"Boschi urbani per fermare cambiamenti climatici”: un convegno all'Orto Botanico

Penna (M5s): “Palermo può essere all’avanguardia”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Palermo può essere all’avanguardia in tema di boschi urbani, non solo piantando alberi in ogni spazio che lo consenta o aprendo i suoi parchi chiusi, ma rendendo attivo il regolamento per l’affido degli spazi verdi che consentirebbe di coinvolgere cittadini, scuole, comunità e imprese nella gestione e moltiplicazione delle aree verdi in città”. Lo dichiara Aldo Penna, deputato del MoVimento 5 Stelle commentando l’evento “Boschi urbani per fermare i cambiamenti climatici” organizzato all’Orto Botanico di Palermo (Sala Lanza, 5 novembre, ore 17.00).

“In Italia - conclude Penna - occorre piantare cento milioni di alberi per cucire tra loro i nostri boschi in un unico sistema forestale, costruendo così una solida barriera ai cambiamenti climatici con la funzione di forte abbattimento della CO2 che hanno gli alberi: il decreto clima prevede già interventi per la forestazione urbana orizzontale e verticale per le aree metropolitane più inquinate”. Relatori del convegno “Boschi urbani per fermare i cambiamenti climatici”: Leonardo Aldo Penna, Deputato M5S; Concetta Amella, capogruppo M5S al Comune di Palermo; Silvano Riggio, Docente emerito di Ecologia – Unipa; Luisa Gaglio, Architetto paesaggista; Manfredi Leone, Architettura del paesaggio – Unipa; Raffaele Savarese, Architetto; Giovanni Licari, Agrotecnico; Eugenio Cottone, già Consigliere Nazionale Ordine Chimici.

Di seguito il calendario completo di “Autunno in Movimento”: 5 novembre, ore 17.00. PALERMO, Orto Botanico - Sala conferenze. “Boschi urbani per fermare i cambiamenti climatici”. 7 novembre, ore 17.00 PALERMO, Villa Niscemi - Sala delle carrozze. “La gestione trasparente ed efficiente dei beni confiscati alla mafia a vantaggio dei cittadini e delle comunità locali”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento