Grasso avverte: "C'è rischio di inquinamento mafioso del voto"

Alla vigilia delle amministrative il procuratore nazionale antimafia lancia l'allarme: "La mafia cerca sempre di partecipare al potere per poi condizionarlo". E nel ricordo di Falcone: "Era un vero fuoriclasse"

Pietro Grasso, Procuratore nazionale antimafia

"Il pericolo dell'inquinamento mafioso del voto c'è sempre, perchè la mafia si pone come intermediaria tra i bisogni dei cittadini e il potere. Il potere che è in mano alla politica locale o nazionale". È il monito del procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, alla vigilia del voto amministrativo in Sicilia e in altre regioni italiane. "Quindi -prosegue Grasso- la mafia cerca di partecipare al potere e di condizionarlo e di portarlo ai propri fini. Lo vediamo dalle indagini di mafia da cui emergono che Cosa nostra si interessa persino delle nomine dei primari ospedialieri e dell'informazione, cercando di influenzarla". E conclude: "Sappiamo che la mafia è un fenomeno criminale m