Manifesti contro Salvini, Gelarda: "Senza dignità è chi vota i politici anti Sicilia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Senza dignità è chi vota i politici anti-Sicilia, quelli che distruggono il futuro dei nostri figli”. Lo dice Igor Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio comunale, responsabile regionale enti locali del partito e candidato alle elezioni europee di domenica 26 maggio nel collegio Sicilia e Sardegna, in riferimento al messaggio “Un siciliano che vota Salvini è un siciliano senza dignità" contenuto nei volantini comparsi ieri in varie zone del centro città. 

I foglietti anti-Salvini sono stati incollati sui cestini dei rifiuti, sugli alberi, sui muri. Riportano, con caratteri più piccoli, anche la scritta: "Un siciliano che vota Lega è un siciliano che non conosce o non rispetta la propria storia". Messaggi che hanno scatenato un vespaio di polemiche per la contemporanea presenza del ministro dell’Interno Matteo Salvini nel giorno della commemorazione della strage di Capaci, in memoria di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

"Contro il ministro delle interiora, 49 milioni di stigghiola": lenzuoli e adesivi contro Salvini“

“Chi ha partorito l’assonanza stilistica dei volantini che vorrebbero apostrofare ‘senza dignità’ i tantissimi siciliani che votano Salvini con quelli che quindici anni fa etichettavo giustamente ‘senza dignità’ il popolo che pagava il pizzo - sostiene Gelarda - non fa altro che offendere le migliaia e migliaia di cittadini che in ogni angolo della Sicilia stanno dando fiducia alla Lega in modo libero e consapevole. Una pessima uscita, volgare e fuori dalla realtà - conclude Gelarda - che non scalfisce la voglia di riscatto del popolo siciliano che domenica 26 maggio alle elezioni europee darà fiducia al progetto di rinnovamento di Matteo Salvini”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento