Acqua pubblica, Sinistra Italiana: "Sentenza pericolosa"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“La decisione della Corte Costituzionale di affossare la legge per l’acqua pubblica in Sicilia è grave e pericolosa perché a essere messa nelle mani di privati, e quindi anche delle mafie, è un bene comune che appartiene a tutti i siciliani”. A dirlo Bianca Guzzetta e Luca Casarini, segretari regionali di Sinistra Italiana Sicilia, intervenendo sulla bocciatura da parte della Suprema Corte della riforma dell’acqua pubblica nell’Isola.

“Questa sentenza - dicono - non ha tenuto conto di due grandi questioni: il voto di 27 milioni di cittadini, moltissimi siciliani, contro la privatizzazione dell’acqua, e la riorganizzazione delle filiere affaristico mafiose nell’Isola. Acqua e rifiuti, infatti, sono le due grandi partite in vista di nuovi business, che una mafia che si sta riorganizzando non vuole perdere. Tutto a discapito dei siciliani, che pagheranno l’acqua a costi maggiori, e dei Comuni, che saranno obbligati a cedere di fronte a multinazionali che si aggiudicheranno per 30 anni la gestione delle reti e il controllo sull’acqua pubblica. Il Governo Crocetta doveva impugnare il ricorso di Palazzo Chigi contro la legge regionale. Non l’ha fatto e questa è l’ennesima responsabilità politica che il governo regionale si porterà addosso. Per quanto ci riguarda, la battaglia per ridare la possibilità ai Comuni, e non a multinazionali e mafie, di gestire l’acqua pubblica non finisce. Comincia ora e sarà uno dei punti di programma inderogabile da mettere al centro di qualsiasi proposta di alternativa e discontinuità alle prossime elezioni regionali”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento