Al Suap 30 mila pratiche bloccate, ultimatum dei commercianti al Comune: "Imprese siano priorità"

In una lettera al Consiglio un "cartello" di dieci associazioni chiede di sbloccare i regolamenti sulle attività produttive e spinge per un piano anti-crisi: in via Roma 116 attività hanno chiuso. Gelarda (Lega): "La politica deve risolvere i problemi concreti senza fare accademia"

Negozi chiusi in via Roma

Trentamila pratiche bloccate al Suap e regolamenti per le imprese al palo in Consiglio comunale. A denunciare la situazione di stallo è Patrizia Di Dio, presidente del coordinamento delle associazioni di categoria palermitane nel corso di un incontro in sesta commissione che si è svolto questa mattina.

I presidenti di dieci associazioni (Patrizia Di Dio di Confcommercio; Alessandro Albanese di Sicindustria; Mario Attinasi di Confesercenti; Giuseppe Pezzati di Confartigianato; Giuseppe La Vecchia di Cna; Giovanni Felice di Confimprese; Maurizio Pucceri di Casartigiani; Salvatore Bivona di Cidec; Filippo Parrino di LegaCoop Sicilia occidentale; Ettore Pottino di Confagricoltura) hanno scritto una lettera al presidente del Consiglio comunale, al sindaco e ai capigruppo di Sala delle Lapidi in cui esprimo una "forte preoccupazione per l’inerzia di un Consiglio comunale che non riesce a dare adeguate risposte alle imprese".

Preoccupazione condivisa da Igor Gelarda, capogruppo della Lega a Sala delle Lapidi: "Il sindaco Orlando sia meno ossessionato dal ministro Salvini e si occupi piuttosto del buon funzionamento dei suoi uffici per non creare ulteriori ostacoli alle migliaia di aziende palermitane in crisi, molte ormai alla canna del gas anche per l’inerzia della sua amministrazione".

Anno nuovo, problemi vecchi. Le associazioni chiedono anche al Consiglio comunale di sbloccare i regolamenti per i mercati storici, il mercato ittico, il mercato ortofrutticolo, i dehors, la movida, la pubblicità e di sopprimere l’ex articolo 5 delle norme di attuazione del piano commerciale. Nel corso dell'incontro si è parlato anche della drammatica crisi dei commercianti di via Roma: 116 le attività che hanno abbassato le saracinesche e molte altre rischiano di abbassarsi entro poco tempo. Patrizia Di Dio chiede all'amministrazione comunale un piano specifico per arginare l'emorragia e lancia l'ultimatum: "Le imprese siano una priorità".

"Le parole pronunciate in commissione dal presidente Di Dio sono allarmanti - conclude Gelarda - e fotografano uno stato di inerzia amministrativa non più tollerabile. La Lega è disponibile a sedersi ad un tavolo con tutte le associazioni di categoria per risolvere, in prima battuta, i problemi più urgenti delle aziende a cominciare da via Roma ma soprattutto per pianificare interventi strutturali che possano fare guardare gli imprenditori al futuro con maggiore fiducia. La politica deve risolvere problemi concreti, senza fare troppa accademia".
 

Potrebbe interessarti

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Menopausa, quali sono i rimedi naturali che le signore palermitane dovrebbero seguire

  • Estate uguale esodo al villino, ecco come i palermitani possono arredare la casa al mare

I più letti della settimana

  • Vedono donna sola in casa e provano a violentarla: lei urla, marito la salva a suon di cazzotti

  • Tramonta il sogno cinese, crolla l'impero Z&H: sequestrati 7 centri commerciali

  • Lutto nel mondo del tifo palermitano, morto ultras della Curva Nord Inferiore

  • Clamoroso: il Palermo non è riuscito a iscriversi al campionato di serie B

  • Incendio sulla Palermo-Sciacca, pullman dell'Ast divorato dalle fiamme

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

Torna su
PalermoToday è in caricamento