Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Troppo buono per essere buttato? Ecco la soluzione a portata di app!

Tantissimi i palermitani, tra utenti e commercianti, che hanno aderito con entusiasmo all'iniziativa anti spreco

 

Arancine, panelle, sfincione e cannoli. A Palermo, patria per eccellenza dello street food, è veramente tanto il cibo che è troppo buono per essere buttato a fine giornata. Ecco, allora, la soluzione a portata di app.

"No allo spreco, sì al buon cibo" è il cavallo di battaglia di Too Good To Go, l’applicazione per smartphone che permette a commercianti e ristoratori di vendere a prezzi ridotti il cibo invenduto.

Ogni secondo, in Italia, vengono sprecati 500 euro di cibo, per un totale di 15 miliardi di euro ogni anno. Numeri da capogiro che fanno riflettere su quanto siano numerose le pietanze che avanzano e vengono sprecate in ristoranti, panifici e rosticcerie. Anche Palermo - che è stata la prima città siciliana ad accogliere l'app - fa la sua importante parte. Sono tantissimi infatti i palermitani, tra utenti e commercianti, che hanno aderito con entusiasmo all'iniziativa. In città le Magic Box si possono trovare in pasticcerie storiche come Albicocco, Costa e Cappello ma anche in ristoranti di cucina giapponese, nei supermercati e da Biga Genio e Farina, specializzato in prodotti da forno.

L'uso di Too Good To Go - presente in 14 Paesi d’Europa con oltre 18 milioni di utenti - è semplice e veloce. L'app antispreco e amica dell'ambiente consente infatti ai consumatori di geolocalizzarsi, cercare i locali aderenti e acquistare ottimi pasti a partire da 1,99 euro. La Magic Box si può pagare tramite l'app con carta di credito e debito, Paypal o con i servizi Apple Pay o Google Pay: basterà andare in negozio nella fascia oraria specificata, mostrare la conferma al negoziante tramite app e ritirare la busta per scoprire cosa c’è dentro.

"Riteniamo che uno smartphone - dice Diletta De Sanctis, responsabile commerciale di Too Good To Go - possa aiutare a combattere lo spreco alimentare. I risultati fino a ora ottenuti mostrano che c'è voglia di cambiamento. Ognuno, nel proprio piccolo, può fare la propria parte".

Il 5 febbraio è la Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: Too Good To Go si impegna a lanciare l'iniziativa di sensibilizzazione #ilcibononsibutta. Sono tanti i modi per combattere lo spreco alimentare e Too Good To Go invita i propri utenti a condividere la loro esperienza anti-spreco utilizzando l'hashtag #ilcibononsibutta e taggando la pagina Instagram @toogoodtogo.it.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento