5 ottimi motivi per ricevere direttamente sulla tua PEC le fatture elettroniche

Dimentica software dedicati, canoni esorbitanti e tonnellate di carta in archivio… ora gestisci tutto dalla PEC

Eravamo abituati ai nostri bei faldoni di fatture, divisi in Fatture Clienti e Fatture Fornitori, utilizzavamo un software di contabilità a causa del quale era più il tempo che stavamo in linea con l’assistenza a chiedere lumi che quello effettivamente speso per usarlo. E con quello che ci costava all’anno, per forza, sfruttavamo l’assistenza! Oggi siamo entrati in una nuova dimensione: dal 1° gennaio è cambiato tutto, o quasi.

Con l’avvento della fatturazione elettronica, ora obbligatoria anche tra privati titolari di partita IVA, effettivamente ci sono stati miglioramenti: risparmiamo sulla stampa delle fatture, risparmiamo in risorse umane e risparmiamo tempo. I nuovi software e le applicazioni per la gestione della fatturazione elettronica sono sicuramente più efficienti dei loro predecessori, ci consentono di gestire tutto il processo di fatturazione in modo semplice e immediato, grazie a piattaforme maggiormente user friendly e a pochi e chiari comandi. Ora riusciamo a creare, emettere, ricevere, visualizzare e conservare le fatture digitali nel nuovo formato XML, in perfetta sintonia con il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate (SDI) che smista le fatture ai clienti. È tutto più rapido e automatico, in effetti.

Eppure, qualcosa è rimasto uguale: il canone annuale è ancora lì, e spesso il tanto acclamato software di turno non ci è utile in tutte le sue potenzialità. Basti pensare ai consumatori privati, non titolari di partita IVA, i quali hanno però a che fare tutti i giorni con professionisti e aziende che emettono obbligatoriamente fatture elettroniche anche nei loro confronti. Ebbene, questi soggetti privati non emettono fatture, ma le ricevono soltanto.

Per quanti desiderano ricevere i file fattura originali ma non hanno però l’obbligo di emissione, è stata pensata una soluzione alternativa: usare la PEC, la Posta Elettronica Certificata, non solo per l’invio di raccomandate virtuali dal valore legale, ma anche per ricevere e visualizzare le nuove fatture elettroniche.

In questo modo ciascuno può avere a disposizione uno strumento semplice e immediatamente comprensibile, che consenta di fare solo quella parte di lavoro necessaria alle sue esigenze specifiche. I vantaggi di questo sistema alternativo sono evidenti. Prendiamo a esempio, la PEC di Aruba, ottima perché comprensiva del servizio Leggi Fatture, un software integrato indispensabile per decodificare e rendere leggibili i file in formato XML, cioè quello delle attuali fatture elettroniche.

Il primo vantaggio è proprio questo: il software è integrato. Attivando la PEC Aruba, non si dovrà pagare un canone a parte per il servizio Leggi Fatture. In secondo luogo, è da notare la comodità: il servizio di Aruba ci solleva da noiose operazioni facilitandoci le cose, raccogliendo ad esempio al posto nostro e in maniera automatica tutte le fatture elettroniche arrivate in un’unica cartella di destinazione già predisposta all’interno della propria Webmail PEC e dell’app Aruba PEC Mobile e contrassegnando le PEC contenenti una fattura digitale con un’apposita icona così da renderle immediatamente riconoscibili nella posta in arrivo. Senza contare che si creerà di fatto un archivio virtuale per le fatture elettroniche, evitandoci la produzione di ingombranti faldoni cartacei e mantenendo però sempre la possibilità di stamparle in qualsiasi momento.

Terzo vantaggio da non sottovalutare è la praticità di poter visualizzare e leggere in anteprima le fatture digitali direttamente online, anche da smartphone, tablet e laptop, ovunque ci si trovi e a qualunque ora del giorno e della notte. Il quarto motivo per decidere di ricevere direttamente sulla PEC le tue fatture XML è insito nello strumento PEC, che da sempre è sinonimo di sicurezza, essendo immune da spam e virus. La sua capacità di garantire l’integrità e l’inalterabilità di contenuti e allegati la rende adattissima allo scopo di ricevere documenti quali le fatture elettroniche. Ultimo motivo, ma non per importanza, è la convenienza. Si può attivare la PEC di Aruba a partire da soli 5,00 € + IVA all’anno, ottenendo in automatico il nuovo servizio Leggi Fatture. Se invece si possiede già una PEC Aruba, attivare il servizio è facilissimo: basta un click, direttamente dal proprio Pannello di Gestione Mail PEC, è il gioco è fatto.

E allora, che aspetti? Attiva ora la tua PEC Aruba e leggi in tutta comodità le tue fatture elettroniche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Mafia

    "La mafia è stata decapitata, Palermo non permetterebbe mai a Messina Denaro di fare il capo"

  • Politica

    Musumeci: "Per risollevare la Sicilia serve il bisturi, che sia una Pasqua di resurrezione"

  • Cronaca

    Pasqua di sangue in Sri Lanka, Orlando: "Vicino ai nostri concittadini cingalesi e tamil"

  • Cultura

    La Casa delle Farfalle resta aperta per le feste: a Pasqua e Pasquetta orario continuato

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento