Palermitani con un progetto d'impresa, come si scrive un business plan

Per dare vita a un'attività imprenditoriale è necessario prepararsi per tempo. Il documento intorno al quale ruotano tutte le vostre possibilità di successo è il cosiddetto business plan

Per dare vita a un'attività imprenditoriale è necessario prepararsi per tempo. Il documento intorno al quale ruotano tutte le vostre possibilità di successo è il cosiddetto business plan. Un business plan (o progetto d'impresa) è una rappresentazione degli obiettivi e del modello di business di un'attività d'impresa. Viene utilizzato sia per la pianificazione e gestione aziendale che per la comunicazione esterna, in particolare verso potenziali finanziatori o investitori.

Perché il business plan

Per ottenere dei finanziamenti per l'imprenditoria giovanile, femminile o per il lavoro autonomo, vi chiederanno di presentare un business plan. Ogni aspirante imprenditore può decidere di avviare da solo la sua attività (la cosiddetta ditta individuale) oppure dare vita ad una società con altre persone. La ditta individuale è ovviamente più semplice da gestire: il titolare decide in modo autonomo e c'è bisogno di particolari formalità per la sua gestione.  Nel caso in cui, l'imprenditore decide di avviare la sua attività insieme ad altre persone, allora deve necessariamente dare vita ad una società. E' una trafila non velocissima: prima si costituisce l'impresa da un notaio, poi l'iscrizione nel Registro delle Imprese  della Camera di Commercio.

La scaletta del business plan perfetto 

Chi fa richiesta deve sempre presentare un business plan (un piano d'impresa) molto dettagliato, con ricerche di mercato e proiezioni economico - finanziarie attendibili. Il business plan è lo strumento migliore per rendersi conto delle effettive possibilità di successo di un'idea imprenditoriale. Non è una brutta idea farsi aiutare da professionisti del settore in questo difficile passaggio. Tratta dal sito Business Plan Vincente, ecco la scaletta di un piano d'impresa ideale. Dovrete approfondire ognuno dei punti.
 
A) descrizione della compagine sociale

  • Generalità del proponente
  • Indirizzi e recapiti per comunicazioni
  • Forma giuridica
  • Titolare e soci

B) descrizione del progetto 

  • Settore di attività
  • Descrizione sintetica del prodotto/servizio

C) aspetti commerciali 

  • Avviamento
  • Mercato di riferimento
  • Strategie commerciali
  • Obiettivi di vendita

D) potenzialità del progetto

  • Cantierabilità
  • Validità dell'iniziativa

E) spin-off aziendale 

  • Azienda madre
  • Attività principale dell'impresa madre
  • Motivi che hanno incoraggiato l'avvio dell'impresa in SPIN-OFF
  • Ambito territoriale dell'impresa madre

F) pianificazione economico-finanziaria

  • Descrizione dell'investimento da effettuare
  • Descrizione dei finanziamenti
  • Piano economico-finanziario
  • Piano di copertura finanziaria
     

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

  • Monreale, si allontana da casa per bruciare le sterpaglie: pensionato trovato morto

Torna su
PalermoToday è in caricamento