Al Foro Italico festa per "Lilo", tartaruga caretta caretta tornata in libertà

E' stato così celebrato l'ingresso del Centro regionale di monitoraggio e recupero delle tartarughe marine dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia tra i centri di referenza nazionale

E' tornata in mare, oggi pomeriggio, nella caletta di sant'Erasmo al Foro Italico, una testuggine della specie "Caretta caretta" - chiamata Lilo, dal nome di un personaggio di Walt Disney - dotata, per la prima volta in Sicilia, di un localizzatore satellitare. Un sofisticatissimo meccanismo tecnologico prodotto negli Stati Uniti, che permetterà, per un anno e mezzo, ai biologi marini di conoscere gli spostamenti delle Carette carette, studiarne i flussi migratori, capire quali sono le temperature ideali per la loro sopravvivenza e le rotte che preferiscono. E' stato così celebrato l'ingresso del Centro regionale di monitoraggio e recupero delle tartarughe marine dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia tra i centri di referenza nazionale. Con decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il Centro è stato istituito dal ministero della Salute.

Le tartarughe marine sono specie minacciate, a rischio di estinzione e per questo motivo alcune, come la Caretta caretta, sono inserite nella lista rossa della Iucn (International Union for Conservation of Nature), organismo internazionale che supervisiona gli esemplari protetti. Il Centro di monitoraggio dello Zooprofilattico, nato nel 2013, è un grande osservatorio di tutte le coste siciliane, che tiene sotto controllo la situazione epidemiologica relativa agli spiaggiamenti. Quando le tartarughe recuperate sono ancora vive, contattato dalle varie capitanerie di porto, interviene per ripristinare le loro funzioni organiche.

“Assistere alla liberazione di questa tartaruga è un momento particolarmente emozionante – ha  commentato il Rettore dell’Università, Fabrizio Micari –. Riconoscere il Centro regionale  di monitoraggio delle tartarughe marine come un punto di riferimento scientifico a livello nazionale. è un risultato importantissimo per tutto il nostro territorio e i nostri mari. Sempre più ritengo  opportuno rafforzare le collaborazioni per riuscire a fare sistema per dare alle nostre eccellenze il  sostegno, il valore e la rilevanza che meritano".

A liberare la testuggine è stato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. "L'evento di oggi - ha detto - è una festa che consacra l'importante risultato raggiunto dall'Istituto Zooprofilattico, cui viene riconosciuta a livello nazionale la grande competenza e professionalità acquisita negli anni. Che la liberazione sia avvenuta dal porticciolo di Sant'Erasmo è la conferma della vocazione di questa importante struttura al cui recupero stiamo lavorando e di come Palermo deve saper riscoprire, anche grazie alle eccellenze che vi operano nel campo della ricerca e della conservazione, il suo rapporto positivo con il mare e la costa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento