In nomine patris, il tour a palazzo Chiaramonte e alle carceri dell'inquisizione

Una visita guidata alla scoperta delle carceri del Tribunale della Santa Inquisizione e del complesso monumentale di Palazzo Chiaramonte, uno dei luoghi simbolo della città, sita nel cuore di pazza Marina.

Universalmente conosciuto dapprima come “Hosterium”, poi semplicemente “Steri”, l'edificio, dall'aspetto di una grande e imponente fortezza militare, custodisce al suo interno opere di grande valore artistico come il prezioso soffitto ligneo che, con il suo intreccio narrativo, rappresenta un vero e proprio trattato di storia medievale per immagini. Teatro di congiure, cospirazioni e lotte politiche è sede, dal 1600 al 1782, del Tribunale e delle carceri della Santa Inquisizione, luogo di morte e sofferenza, dal fascino tetro, al cui cospetto vengono eseguiti i roghi dei penitenziati e di cui lasciano testimonianza i disegni, i graffiti e le pitture parietali ancora oggi visibili.

Dalla Sala delle Armi a quelle delle Capriate, in un tripudio di bifore e trifore, un viaggio affascinante, lungo sette secoli, su una delle pagine più importanti dell'arte e della storia di Sicilia. La data e l’orario indicati sono suscettibili di variazione. L'evento sarà effettuato al raggiungimento di un minimo di 20 partecipanti. In caso di mancato raggiungimento del numero e/o altre ragioni organizzative, lo staff si riserverà di annullare e/o posticipare l’evento in programma, comunicando tempestivamente eventuali modiche telefonicamente a tutti gli iscritti.

********************************
RADUNO: Piazza Marina, 61 (davanti l'ingresso dello Steri) ore 16:00
DURATA VISITA: 2h
CONTRIBUTO: €8 Soci | €10 Non tesserati (comprensivo di ticket d'ingresso e guida)
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: 3202267975
LINK EVENTO FACEBOOK:

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

I più visti

Potrebbe interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento