"Il mercante di Venezia", spettacolo al Teatro Al Massimo

Da venerdì 20 febbraio a domenica 1 marzo, sul palco del Teatro Al Massimo salirà Giorgio Albertazzi per lo spettacolo di William Shakespeare "Il mercante di Venezia".

Giorgio Albertazzi è Shyloch nello spettacolo "Il mercante di Venezia", di William Skakespeare, che ha debuttato ieri sera al Teatro Al Massimo. Repliche fino al primo marzo. Lo spettacolo viene così recuperato, era previsto lo scorso novembre nel cartellone della stagione, ma era stato rinviato per un'indisposizione di Albertazzi (nella foto). "Il mercante di Venezia" è un'opera teatrale scritta probabilmente tra il 1596 e il 1597. Il nobile veneziano Bassanio chiede all'amico Antonio, ricco mercante di Venezia, 3.000 ducati per corteggiare degnamente Porzia, ricca ereditiera di Belmonte.

Antonio, che ha investito tutte le sue risorse in traffici marittimi, si fa prestare il denaro dall'usuraio ebreo Shylock chepretende come obbligazione, se la somma non sarà pagata il giorno fissato, il diritto di prendere una libbra di carne sul corpo di Antonio, inviso allo stesso Shlylock. Bassanio accompagnato dall'amico Graziano, ottiene la mano di Porzia superando una prova stabilita dal padre di lei. Graziano sposa Nerissa, ancella di Porzia. Intanto la sfortuna si accanisce contro Shylock: sua figlia Gessica è fuggita con il cristiano Lorenzo, amico di Antonio e Bassanio, sottraendo denaro al padre, che la disereda. Arriva la notizia che le navi di Antonio hanno fatto naufragio e che non ha pagato il debito alla sua scadenza. Shylock, pretendendo la libbra di carne, porta Antonio davanti al Doge, che, nonostante la crudeltà della proposta, non può rifiutare il pagamento del debito.

Porzia travestita da avvocato perora la causa di Antonio davanti al Doge, dimostrando che Shylock ha diritto alla carne ma senza che sia versata una sola goccia di sangue, se non vuole essere giustiziato per attentato alla vita di un veneziano. Il Doge grazia Shylock, che desiste dai suoi intenti, ma confisca i suoi beni, che verranno divisi tra Antonio e lo stato veneziano. Antonio rinuncia alla sua parte a condizione che Shylock si faccia cristiano e leghi i suoi beni a Lorenzo e Gessica. Intanto alcune navi di Antonio rientreranno in porto senza riportare alcun danno. Spettacolo Franco Castellano, regia di Giancarlo Marinelli, produzione Ghioni Produzioni, scene di Paolo Dore, costumi di Daniele Gelsi. Calendario spettacoli: venerdì 20 e sabato 21 febbraio ore 21.15, domenica 22, lunedì 23, martedì 24, mercoledì 25 e giovedì febbraio ore 17.15, venerdì 27 e sabato 28 febbraio ore 21.15, domenica 1 marzo 17.15. Costo biglietti: 35 euro (prime nove file), 30 euro (restanti file).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Tutto un mondo oltre lo schermo della tv, Paolo Bonolis presenta il suo libro a Palermo

    • solo oggi
    • 11 novembre 2019
    • Cinema Rouge et Noir
  • Teatro Al Massimo, la Miracle Queen tribute band in concerto con la polifonia cori e archi

    • 16 novembre 2019
    • Teatro Al Masimo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento