La maschera scarlatta di Palermo, alla Guilla la performance di Frillo

Domenica 19 aprile dalle 11 alle 18 alla Scalinata di via Sant'Isidoro alla Guilla, traversa via Candelai, Antonio Nicolì Zito, in Frillo si esibirà in una performance in cui esprimerà il suo disappunto e la sua voglia di far rinascere la città. 

Una performance lunga un giorno, per riappropriarsi dello spazio urbano. Un’azione di disobbedienza per smascherare Palermo, per guardare con consapevolezza alle maschere che si porta addosso ormai da troppi anni: la religione, la mafia, la munnizza, la giustizia, l’immigrazione, la nobiltà. E, infine, la morte.

Le maschere saranno interpretate dall’artista, dalle performer, dai fotografi e dagli scrittori, coinvolgendo l’osservatore e offrendo un nuovo punto di vista. “Il progetto di Antonio Nicolò Zito, in arte Frillo – ha detto Sasvati Santamaria, curatrice del progetto – nasce dalla volontà di sottolineare delle criticità culturali. Utilizzando come input il racconto La maschera della morte rossa di E. A. Poe, l’artista porta alla luce il concetto di caducità legato ad un processo di 'dramma sociale' che l’ambiente urbano in cui egli vive trasmette. La maschera diviene un elemento di un gioco per sottolineare delle emergenze sociali e urbane. Come le stanze del castello nel racconto, le maschere diventano sette per evidenziare delle criticità sociali e culturali: la religione, la mafia, la munnizza, la giustizia, l’immigrazione, la nobiltà. L'ultima è la maschera scarlatta, che mette in scena la morte, che nella sua essenza non rappresenta un punto di fine ma un punto di partenza, un multiplo complesso e mutevole che ha intriso in sé la volontà di un cambiamento”.

L’evento è organizzato in collaborazione con il blog letterario L’Abattoir e con sei fotografi (Sergio Calabrese, Loris Guzzetta, Luisa Montaperto, Nino Pillitteri, Peppino Romano, Giuseppe Sinatra) e sei performer (Claudia Di Gangi, Aurora Martorana, Marianna Messina, Valentina Parlato, Rosanna Romano, Patrycja Stefanek).

Frillo, giovane designer palermitano, laureato in Lettere Moderne, è uno stilista con la passione per il riciclo. Per le sue creazioni utilizza materiali che nessuno usa più. Alcune Maschere del progetto sono state realizzate utilizzando la carta (pesta, naturalmente) dei cartelloni abusivi dei politici: raccolti dalla strada quando crollano sotto il peso degli strati e fatti rinascere con l'Arte. Ingresso libero. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Francobolli, autoritratti e art couture: a Palazzo Zingone una mostra su Frida Kahlo

    • dal 7 giugno al 29 settembre 2019
    • Palazzo Zingone Trabia
  • Leonardo da Vinci a Palermo: macchine, disegni e anatomia in mostra a Palazzo Bonocore

    • dal 13 aprile al 29 settembre 2019
    • Palazzo Bonocore
  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • Musicali, sport e religione: a Belmonte Mezzagno ecco la "Festa del Crocifisso"

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 7 al 15 settembre 2019
    • Comune di Belmonte Mezzagno
Torna su
PalermoToday è in caricamento