Colazione con "La strage dei congiuntivi" di Massimo Roscia alla libreria Modusvivendi

Domenica 10 aprile alle 11 alla Libreria Modusvivendi colazione con la "La strage dei congiuntivi" di Massimo Roscia.

Chi ha ucciso l’assessore alla cultura? Ma, soprattutto, chi salverà la grammatica? Cinque bizzarri personaggi, abilmente descritti, si uniscono per mettere in atto un grande disegno criminoso a difesa estrema di una lingua quotidianamente vilipesa, deturpata e ferita a morte. I congiuntivi vengono invertiti con i condizionali, i verbi intransitivi goffamente resi transitivi, i gerundi sfregiati, i sinonimi ignorati, i troncamenti confusi con le elisioni, i vocabolari abbandonati nelle cantine ammuffite. Reggenze errate, fastidiose sovrapproduzioni di avverbi, insopportabili diminutivi iperbolici. Espressioni trite e banali, frasi mangiucchiate, difettose, frammentate, incoerenti, prive di punteggiatura…

I più si mostrano indifferenti al progressivo diffondersi della non-lingua; altri si indignano, limitandosi a contrarre le labbra in segno di disgusto; altri ancora – Dionisio e i suoi sodali, un analista sensoriale, un bibliotecario, un dattiloscopista della polizia e un professore di letteratura sospeso dall’insegnamento a tempo indeterminato – decidono di reagire, combattere, attuare il loro salvifico piano, costi quel che costi.

Massimo Roscia

È nato a Roma nel 1970 (qualcuno sostiene nel 1870). Scrittore, critico enogastronomico, docente, condirettore editoriale del periodico «Il Turismo Culturale». Autore di romanzi, saggi, ricerche, guide e vincitore di diversi premi letterari, ha esordito nel 2006 con “Uno strano morso ovvero sulla fagoterapia e altre ossessioni per il cibo”. L’originale noir sul rapporto cibo-nevrosi ha ottenuto in pochi mesi un grande successo di pubblico e di critica. Da qualche anno insegna comunicazione, tecniche di scrittura emozionale, editing, letteratura gastronomica e marketing territoriale. Nei minuti liberi continua a scarabocchiare e a chiedersi cosa fare da grande.

Dicono di lui

«Ho conosciuto Massimo Roscia nel 2010 a New York; eravamo a casa di comuni amici nell’Upper West Side. Ho subito sospettato che non fosse normale. Sei mesi fa ho letto la bozza di questo suo ultimo romanzo e ne ho avuto conferma. Massimo non è affatto normale e ciò, per la letteratura italiana, è un gran bene». John L. Hazelwood - PhD, Professor and Chair, Department of Linguistics and Verbal Behavior, Western University, San Francisco, California. 

Sponsor tecnici: Vini Tasca D'Almerita, The Hotel Sphere - Hotel Plaza Opéra e Hotel Principe di Villafranca. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Al halisah, i luoghi della Kalsa: alla scoperta del quartiere più antico di Palermo

    • 14 giugno 2020
    • Porta dei Greci
  • Sulle orme dei Florio, il tour letterario ispirato al romanzo "I Leoni di Sicilia" di Stefania Auci

    • 13 giugno 2020
    • Teatro Massimo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento