"Il tenace soldatino di stagno" ha un lieto fine, la fiaba di Andersen debutta al Politeama

Debutta al Politeama Garibaldi domenica 28 gennaio alle ore 18 la fiaba musicale "Il tenace soldatino di stagno", nuova produzione della Foss destinata alle scuole e ai ragazzi. 

Lo spettacolo, con l'Orchestra Giovanile Siciliana diretta da Marcello Biondolillo, la regia di Sandro Dieli e il coro di voci bianche della Foss diretto da Fabio Ciulla, vedrà in scena duecento artisti. Repliche per le scuole lunedì 29 gennaio e martedì 30 gennaio alle ore 9,30 e 11,30 e che si avvale di molti altri contributi. E questa volta, a differenza della stesura di Andersen, ci sarà un lieto fine. 

Può un giocattolo prendere vita e diventare altro? E' questa, in sintesi la trama de Il soldatino di stagno (Den standhaftige tinsoldat), fiaba di Hans Christian Andersen che debutta al Politeama Garibaldi domenica 28 gennaio 2018 alle  ore 18 con l'Orchestra Giovanile Siciliana diretta da Marcello Biondolillo, la regia di Sandro Dieli e il coro di voci bianche della Foss diretto da Fabio Ciulla.

Circa duecento gli artisti in scena per questo spettacolo che sarà replicato per le scuole lunedì 29 gennaio e martedì 30 gennaio alle ore 9,30 e 11,30 e che si avvale di molti altri contributi: con le coreografie di Giorgia Alestra, Dominique Cavallaro, Alessandro Giambirtone, Laura Miraglia, Giovanna Velardi, gli allievi di canto e recitazione dell'Associazione Musicale C.E.Ri.S.M., gli allievi del Liceo Coreutico Regina Margherita, gli allievi dell'Opera Pia Istituto Santa Lucia in collaborazione con ASDC Futuro Danza, il Piccolo coro del Convitto Nazionale Giovanni Falcone. 

I costumi sono realizzati dagli allievi del corso di costumistica teatrale dell'Associazione Musicale C.E.Ri.S.M., coordinati da Roberta Barraja. Nota anche come  Il tenace soldatino di stagno, la fiaba fu pubblicata per la prima volta nel 1838. Il soldatino di stagno ha una struttura simile a quella de La Sirenetta o La Piccola Fiammiferaia; i protagonisti, oppressi, si riscattano solo metafisicamente in virtù delle loro doti morali.

Proprio il valore morale, e in particolare il coraggio e il senso del dovere ("lo stare sull'attenti"), sono centrali in questa particolare fiaba. ll piccolo soldatino è infatti orgoglioso e sta sempre ben diritto sulla sua unica gamba e si innamora di chi pensa possa completarlo: una ballerina classica di carta con una gamba sola, in realtà l'altra gamba è nascosta dalla gonna in un passo di danza. Il soldatino ha trovato l'altra gamba, quella che lo renderebbe stabile emotivamente, gli darebbe l'equilibrio interiore tanto ricercato da ogni essere umano. 

Non c'è però lieto fine nella fiaba di Andersen. Ci sarà invece nella storia proposta al Politeama dove si narra di due bambini, fratello e sorella, che ricevono in dono un castello di carta, con figurine di carta, tra cui una ballerina con un lustrino dorato sul petto e un gruppo di soldatini di piombo. A uno dei soldatini manca un pezzo di gamba perché è stato fuso dopo gli altri, con lo stagno avanzato. Ogni notte, quando i bambini si sono addormentati, i loro giocattoli prendono vita. Il soldatino senza una gamba si innamora della ballerina di carta. 

Fra i giocattoli c'è un pupazzo a molla, geloso del soldatino di stagno, che lancia una maledizione sulla coppia condannandola a non essere mai felice. Il giorno dopo, infatti, il soldatino cade fortuitamente dal davanzale della finestra. Trovato in terra da due monelli, viene messo su una barchetta di carta e spinto in mare. La barca stessa poi affonda e il soldatino viene mangiato da un pesce.

Miracolosamente, il pesce viene pescato e finisce proprio nella cucina della casa da cui proviene il soldatino. Recuperato dalla cameriera, il soldatino ritorna tra i suoi amici giocattoli. C'é Woody, l'orsacchiotto, la Barbie Latina, le sorelle trottole, il magnifico castello e... la graziosa piccola ballerina che sta ancora su una gamba sola, con l'altra sollevata in aria. Il soldatino sposerà la ballerina, il pupazzo a molla si pentirà e sarà perdonato e i giocattoli non dovranno più avere paura di lui.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "La Traviata", il capolavoro di Giuseppe Verdi torna in scena sul palco del Teatro Massimo

    • dal 13 al 27 settembre 2019
    • Teatro Massimo
  • "Il barbiere di Siviglia", un melodramma buffo: lo spettacolo di Rossini al Teatro Massimo

    • dal 20 al 28 settembre 2019
    • Teatro Massimo
  • Teatro e archeologia insieme ed è poesia, a Solunto e Himera gli spettacoli al tramonto

    • dal 22 al 29 settembre 2019
    • Teatro di Solunto e Teatro di Himera

I più visti

  • Francobolli, autoritratti e art couture: a Palazzo Zingone una mostra su Frida Kahlo

    • dal 7 giugno al 29 settembre 2019
    • Palazzo Zingone Trabia
  • Leonardo da Vinci a Palermo: macchine, disegni e anatomia in mostra a Palazzo Bonocore

    • dal 13 aprile al 29 settembre 2019
    • Palazzo Bonocore
  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La città come un palcoscenico per pianoforti, torna "Piano City Palermo"

    • Gratis
    • dal 27 al 29 settembre 2019
    • Palermo
Torna su
PalermoToday è in caricamento