"Il pozzo dei pazzi", lo spettacolo di Franco Scaldati chiude la rassegna al Teatro del Baglio

"Il pozzo dei pazzi" della Compagnia di Franco Scaldati è lo spettacolo che, alle 21.15 di sabato 26 maggio, chiuderà la terza edizione di “Verba Manent”, rassegna di teatro contemporaneo diretta artisticamente da Valeria Sara Lo Bue al Teatro del Baglio, 200 posti ricavati dall’antico granaio del Palazzo Filangeri, in cima a Corso San Marco, nel centro storico di Villafrati. Ormai una vera e propria Istituzione del Comune di Villafrati, che negli anni ha ospitato numerose compagnie e artisti nazionali e internazionali, fra i quali: Elena Bucci, Maria Paiato, Marta Cuscunà, Franco Scaldati, T.T.B., Antonio Piovanelli, Frosini-Timpano, Dispensa Barzotti, Massimo Verdastro, Filippo Luna, Nicolò Carnesi, Mimì Sterrantino e molti altri.

Lo spettacolo è di Franco Scaldati, con Luigi Rausa, Fabio Lo Meo, Luciano Sergiomaria, Valeria Sara Lo Bue, Totò Pizzillo, Antonella Sampino, Fabiola Arculeo, Alessio Barone, Mariangiela Glorioso, Luisa Hoffman, assistente alla regia Alessandra Leone, coaching - aiuto regia Matteo Bavera, Melino Imparato / regia Georges Lavaudant, produzione Compagnia Franco Scaldati.

Aspanu e Binirittu sono due clochard. Fra di loro c'è un rapporto di grande amicizia, continuamente messo alla prova dalla miseria. Nella loro porzione di strada passano altre coppie di personaggi, un pazzo, Totò, la cui unica amica è una gallina; due amanti, Masino e Pinò, il cui amore si deteriora visibilmente e inesorabilmente davanti alla durezza della vita; due suonatori, Matteo e Giovannino, dispettosi e cinici; una serie di figure quasi ultraterrene, la donna delle mele, le prefiche, i quali arricchiscono la vicenda di divertenti e irriverenti siparietti e di momenti poetici e di grande commozione. Il linguaggio è quello della strada, duro, scurrile, ma estremamente divertente. Un delirio barocco, secondo la definizione di Vincenzo Consolo, nel quale la lingua dei bassifondi diventa fatto letterario.

L’associazione “Compagnia di Franco Scaldati” nasce a Palermo nell’agosto del 2002 per iniziativa di attori e collaboratori del drammaturgo, regista e attore di fama internazionale Franco Scaldati, con l’idea di proseguire il cammino per la realizzazione dei progetti culturali e artistici secondo i presupposti e lo spirito che da sempre hanno animato le precedenti associazioni, compagnie e gruppi con cui il drammaturgo ha operato per più di trent’anni. Dopo la morte del Maestro, la compagnia ha operato sotto la guida del capocomico Melino Imparato, tra i fondatori della stessa. Fra gli spettacoli più conosciuti, oltre a “Il pozzo dei pazzi”, si ricordano “La Gatta di Pezza”, “Assassina”, “Sonno e Sogni”, “Vorrei avere un paio d'ali dorate”, “Un angioletto vestito di giallo”, “E' la terra un'unica finestra”.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • I pupi, il teatro di figura, il teatro contemporaneo: torna il Festival di Morgana

    • dal 8 al 17 novembre 2019
    • luoghi all'interno dell'articolo
  • "Con sorte", buona la prima: lo spettacolo per la nuova stagione del Patafisico

    • dal 8 al 17 novembre 2019
    • Piccolo Teatro Patafisico
  • La notte di Oscar, il nuovo spettacolo di Kambè Equipe sul palco del Teatro Savio

    • 6 dicembre 2019
    • Teatro Savio

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Tutto un mondo oltre lo schermo della tv, Paolo Bonolis presenta il suo libro a Palermo

    • solo oggi
    • 11 novembre 2019
    • Cinema Rouge et Noir
  • Teatro Al Massimo, la Miracle Queen tribute band in concerto con la polifonia cori e archi

    • 16 novembre 2019
    • Teatro Al Masimo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento