Notte al teatro dei pupi siciliani, "Farsetta Nofrio e Virticchio" sul palco della famiglia Argento

Notte al Teatro dei Pupi Siciliani Argento “Farsetta Nofrio e Virticchio” e “La morte di Agricane” - Spettacolo e aperitivo. Teatro dei Pupi famiglia Argento, via Pietro Novelli 1 a Palermo. Appuntamento sabato 19 gennaio ore 21 ticket 15 euro (bambini da 5 a 10 anni 7 euro). Prenotazione obbligatoria. 

Terradamare Cooperativa Turistica invita cittadini e turisti ad assistere agli spettacoli serali presso il teatro dei Pupi Siciliani, capolavoro Unesco del patrimonio orale e immateriale dell’umanità. Grazie alla famiglia Argento, maestri pupari dal 1893, si potrà assistere ai tradizionali spettacoli dei Paladini di Francia interpretati dai Pupi artigianali costruiti dalla storica famiglia, gli stessi racconteranno la storia dell’antica arte della loro famiglia. A introdurre lo spettacolo infatti, ci sarà Mastro Argento, padre dei pupari Nicola e Dario, che oltre a raccontare la storia della sua famiglia, ripercorrerà la storia dei paladini di Francia, le differenze delle scuole palermitane e catanesi, l’impegno suo e dei suoi figli e nipoti per mantenere vivo il teatro. 

A conclusione dello spettacolo: aperitivo a base di prodotti di aziende locali. Appuntamento sabato 19 gennaio alle ore 21, al teatrino dei Pupi della famiglia Argento, in via Pietro Novelli 1 (di fronte alla Cattedrale di Palermo), piccolo gioiello della tradizione artigianale siciliana, le cui scenografie e marionette sono realizzate interamente dai membri stessi della famiglia di mastri pupari palermitana. La prenotazione è obbligatoria, contattando i seguenti recapiti. 

La Famiglia Argento, maestri pupari dal 1893, diffonde la storia e l’arte dei Pupi Siciliani, tramandando da cinque generazioni l’arte dell’artigianato nella costruzione degli stessi e nella rappresentazione delle Opere. Ancora oggi mantiene questa tradizione, ultimi artigiani rimasti: dai loro pupi vengono tratti i modelli utilizzati nella rappresentazioni. Nel loro teatro vengono ancora conservate le tele dipinte dagli avi e con le stesse tecniche vengono create scenografie delle rappresentazioni che si mettono in scena grazie all’aiuto dei tre figli e della moglie.

Un piccolo teatro della tradizione siciliana, ospitato a Palazzo Asmundo, nel cuore del centro storico, di fronte alla Cattedrale di Palermo. Mantenendo ancora la tradizione artigianale, della costruzione dei pupi, è possibile inoltre, assistere alla loro lavorazione nel laboratorio che si trova Corso Vittorio Emanuele 145. Il Teatro dei Pupi siciliani della Famiglia Argento ancora oggi mette in scena le opere dei paladini di Francia e molti spettacoli originali, ispirandosi alla tradizione e alle storie di Sicilia. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • I pupi, il teatro di figura, il teatro contemporaneo: torna il Festival di Morgana

    • dal 8 al 17 novembre 2019
    • luoghi all'interno dell'articolo
  • Aneddoti, storie e racconti per grasse risate: la comicità di Paolo Rossi sbarca ai Candelai

    • 21 novembre 2019
    • I Candelai
  • "Con sorte", buona la prima: lo spettacolo per la nuova stagione del Patafisico

    • dal 8 al 17 novembre 2019
    • Piccolo Teatro Patafisico

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Bim Bum Bam, giocattoli diventano opere d'arte: due mesi di mostra allo Steri

    • Gratis
    • dal 3 ottobre al 23 dicembre 2019
    • Complesso Monumentale dello Steri
  • Da Monet e Van Gogh a Klimt, sette capolavori perduti rivivono in 3D all'Abatellis

    • dal 10 ottobre al 8 dicembre 2019
    • Palazzo Abatellis
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento