"Hiroshima, mon amour": il capolavoro di Alain Resnais in un film al cinema Rouge et Noir

La città simbolo dell’apocalisse nucleare diventa il luogo di una passione tra un’attrice francese e un architetto giapponese su cui incombono fantasmi collettivi e personali. Hiroshima, mon amour (1959), lunedì 4 marzo al Supercineclub del Rouge et Noir, è il capolavoro di Alain Resnais e uno dei film-chiave della Nouvelle Vague, straordinario per intensità e per l’uso innovativo del flash-back, della continua contaminazione narrativa tra ricordo, immaginazione e presente. 

“Lei” (Emmanuelle Riva) è a Hiroshima per girare un film pacifista nei panni di una crocerossina e porta in sé le ferite di un amore vissuto in Francia con un soldato tedesco, caduto davanti ai suoi occhi. “Lui” (Eiji Okada) è il professionista di un paese sconfitto nel secondo conflitto mondiale, vittima di un mostruoso esperimento bellico, ma che vive con orgoglio e riscatto personale questa sua condizione. Trascorrono assieme ore d’intenso amore, con la drammaticità emotiva di chi, nell’unione tra due corpi, cerchi il senso di una nuova realtà, pacificata e meno lacerante, per essere così in grado di rimarginare il dolore del passato. Ma la grande tragedia della guerra e dei fardelli che ha assegnato ai singoli individui è insormontabile, e la fase del lutto, della rigenerazione è un atroce compito che può solo essere affrontato in solitudine. 

Tratto da un romanzo di Marguerite Duras, che ha firmato anche la sceneggiatura, Hiroshima, mon amour, si svincola dalla sua matrice letteraria per diventare, nelle mani di Resnais, un grande film che giostra sui passaggi temporali, sulle invenzioni stilistiche, sulla creatività delle immagini a servizio della psicologia profonda dei personaggi. Tanto da diventare, accanto a un altro cult come Casablanca, una pietra miliare nella storia del cinema francese e in quello di tutti i tempi, ancor oggi citato, amato e imitato. Hiroshima, mon amour sarà proiettato lunedì 4 marzo al Supercineclub del Rouge et Noir alle 18.30 in versione doppiata in italiano e alle 21 in quella originale con sottotitoli in italiano, restaurata dalla Cineteca di Bologna. Alle 20.30 la presentazione di Gian Mauro Costa e di Sandro Volpe. Biglietto: 4 euro (3 euro per gli under 30).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • Da imprenditrice digitale ad attrice, il film di Chiara Ferragni arriva nei cinema di Palermo

    • dal 17 al 19 settembre 2019
    • luoghi all'interno dell'articolo
  • Film in anteprima, mostre, incontri e performance: a Bagheria torna il cinema di Animaphix

    • dal 18 al 22 settembre 2019
    • Comune di Bagheria
  • Efebo d'Oro, al De Seta la nuova edizione del premio internazionale di cinema e narrativa

    • Gratis
    • dal 14 al 19 ottobre 2019
    • Cinema De Seta

I più visti

  • Francobolli, autoritratti e art couture: a Palazzo Zingone una mostra su Frida Kahlo

    • dal 7 giugno al 29 settembre 2019
    • Palazzo Zingone Trabia
  • Leonardo da Vinci a Palermo: macchine, disegni e anatomia in mostra a Palazzo Bonocore

    • dal 13 aprile al 29 settembre 2019
    • Palazzo Bonocore
  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • Musicali, sport e religione: a Belmonte Mezzagno ecco la "Festa del Crocifisso"

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 7 al 15 settembre 2019
    • Comune di Belmonte Mezzagno
Torna su
PalermoToday è in caricamento