Il genio dei fratelli Coen in un film: "Arizona junior" sul grande schermo del Rouge et Noir

Così si rivelò il genio dei fratelli Coen, capaci con un tocco di bacchetta magica di trasformare in cinema d’autore le storie tipiche da b-movies, di donare stile ed eleganza a scene e gags altrimenti dozzinali e banali, di suscitare un sorriso intelligente in luogo di una risata facile, di divertirsi insieme allo spettatore sotto il comune segno dell’umorismo e dell’amore per il grande schermo.

Arizona Junior, (Raising Arizona, 1987), lunedì 26 marzo al Supercineclub del Rouge et Noir, è il loro secondo lungometraggio e quello che li consacrò definitivamente nel ristretto gotha dei registi americani di prima classe ad Hollywood. Reduci da un esordio fulminante tre anni prima, con un Blood Simple accolto entusiasticamente dalla critica, Joel ed Ethan Coen ribadirono il loro talento con una storia semplice e stralunata alla quale diedero un tocco raffinato e indimenticabile, creando un carosello di situazioni paradossali senza scivolare nel grottesco, una sarabanda di personaggi estremi ma nello stesso tempo credibili e godibili. 

Herbert “Hi” McDunnough (un incontenibile Nicolas Cage) entra ed esce dalla galera, “perché costretto dal suo bagaglio genetico” e dall’incapacità di stare nei ranghi, dopo una serie di rapine incruente nei minimarket. Negli uffici di polizia si incrocia con Ed, un’agente dal cuore tenero (un’impeccabile Holly Hunter), e lì comincia la loro storia d’amore. I due vanno a vivere in una casa mobile nel deserto a provano a condurre una vita normale.

Ma la loro unione felice è minacciata dalla scoperta che lei non potrà restare incinta. Nasce così un piano folle e ardito: rapire uno dei cinque gemelli del volgare boss dei mobili componibili della regione. Il ratto del piccolo, la sua convivenza con la coppia di rapitori, l’ingresso in scena di due evasi ex compagni di carcere di Hi, le dimissioni di lei dalla polizia e la perdita di lavoro di lui, creeranno, con un ritmo vertiginoso, una serie di situazioni degne di un thriller con andamento comico. 

Denso di citazioni da Scorsese a Landis e alle grandi firme della commedia americana, Arizona Junior è la perfetta riuscita di una fusione di generi diversi in un prodotto unico di grande riuscita estetica e di grande impatto sullo spettatore. Da quel momento i due fratelli Coen, autori insieme anche di deliziosi racconti, non persero un colpo nella loro carriera, regalando perle come Barton Fink, Il grande Lebowski, Non è un paese per vecchi. Solo per citare tra i più famosi. Arizona Junior sarà proiettato alle 21 in lingua originale con sottotitoli in italiano al Supercineclub del Rouge et Noir. Alle 20.30 la presentazione di Mario Tralongo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • "Maria by Callas", la vita e la carriera della grande soprano in un film all'Uci Cinemas

    • solo oggi
    • 17 aprile 2018
    • Uci Cinemas Palermo
  • Roma Golpe Capitale, il documentario sul caso Marino al cinema Rouge et Noir

    • solo domani
    • 18 aprile 2018
    • Cinema Rouge et Noir
  • DemoCrazy, cinema all'aperto a Villa Trabia

    • Gratis
    • dal 19 aprile al 27 maggio 2018
    • Pyc - La Nuova Villa Trabia

I più visti

  • Van Gogh a Monreale, una mostra multimediale su vita e opere del grande pittore olandese

    • dal 25 novembre 2017 al 13 maggio 2018
    • Complesso Monumentale Guglielmo II
  • Musica all'Orto Botanico, al via i matinée della domenica tra musica e natura

    • dal 15 aprile al 27 maggio 2018
    • Orto Botanico
  • I "Nudes" di Spencer Tunick in una mostra, l'antologica del fotografo americano allo Zac

    • Gratis
    • dal 13 aprile al 2 giugno 2018
    • Zac
  • Il ritratto di Donna Franca Florio in mostra a Villa Zito

    • dal 17 marzo al 20 maggio 2018
    • villa Zito
Torna su
PalermoToday è in caricamento