"Zittà! Le parole per fare pace con la storia da cui veniamo", il libro al Caffè del Massimo

S’intitola “Zittà! Le parole per fare pace con la storia da cui veniamo” (Mondadori) il nuovo libro di Alberto Pellai e Barbara Tamborini che verrà presentato alle 18 di giovedì 31 maggio al  Bistro del Teatro Massimo. A organizzarlo la libreria Flaccovio Mondadori Bookstore. L’intervista agli autori, coppia anche nella vita e genitori di quattro figli, sarà a cura della giornalista Adriana Falsone.

Si tratta sicuramente di un romanzo “terapeutico” che richiama la “teoria dell’attaccamento” di John Bowlby, aiutandoci a capire come funzioniamo nelle relazioni della nostra storia personale. Ogni capitolo, infatti, è seguito da un approfondimento che trae spunto da una parola chiave relativa al capitolo stesso e che ci guida verso quelle domande che ci fanno riflettere e fanno luce sulla nostra esperienza personale.

Sinossi: “Noi siamo relazioni”, ma quanto proprio le relazioni, soprattutto quelle primarie, possono segnare la nostra vita personale e di coppia? Quanto possiamo invece liberarci del passato imparando a rapportarci con gli altri in modo sano e corretto? Tra le relazioni d’amore, quella con la figura materna risulta fondamentale. Se la madre non è in grado di fornirci un amore e un sostegno che vadano oltre il semplice accudimento, è probabile che tutta la nostra vita verrà segnata da una ferita originaria che condizionerà il nostro futuro. Questo è quanto accade a Angela, la protagonista di “Zitta!”, che da sempre avverte un rifiuto da parte della madre - che già alla nascita sceglie di non allattarla -, incapace com’è di stabilire un rapporto positivo con questa figlia, così diversa da lei, che vada oltre la critica dei suoi comportamenti e il confronto continuo con la sorella, mite e laboriosa.

Un trauma, il suo, mai ricomposto che la porterà, nonostante l’affetto che prova verso i suoi fratelli più piccoli, ad allontanarsi presto dalla casa dei genitori. Ma è solo l’inizio perché la storia di Angela è una storia di fughe, soprattutto da chi cerca di amarla. Fuga dal primo innamorato, fuga, emotiva se non fisica, dal marito Alfredo, che non riesce a coglierne la complessità. Non sempre, però, una ferita d’amore all’origine porta a risultati così catastrofici. Anche Chiara, la figlia di Angela, è cresciuta con una madre dal comportamento ambivalente, eppure si mostrerà più adulta di quei due genitori rimasti prigionieri del passato e ingessati in ruoli di cui non riescono a liberarsi. Fino a un evento tragico che rimetterà tutto in gioco e costringerà i protagonisti a una riflessione sulle proprie relazioni, per giungere a un finale imprevedibile.

Alberto Pellai è medico, psicoterapeuta dell’età evolutiva e ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università degli Studi di Milano. Nel 2004 il ministero della Salute gli ha conferito la medaglia d’argento al merito in Sanità Pubblica. Per anni ha condotto su Radio 24, con Nicoletta Carbone, il programma «Questa casa non è un albergo», dedicato alla relazione genitori e figli. È autore di molti bestseller di parenting e psicologia, tra i quali Tutto troppo presto. L’educazione sessuale dei nostri figli ai tempi di Internet, L’età dello tsunami, Il metodo famiglia felice. I suoi libri sono tradotti in più di dieci lingue e hanno vinto numerosi premi. Dal 2010 cura su «Famiglia Cristiana» la rubrica settimanale «Essere genitori». Su Facebook gestisce una pagina dedicata ai consigli sull’educazione, seguita da 40mila followers.

Barbara Tamborini è psicopedagogista e scrittrice. Tiene laboratori educativi nelle scuole di ogni ordine e grado e corsi di formazione per docenti e genitori. È autrice di libri per bambini e ragazzi e coautrice insieme ad Alberto Pellai di volumi di psicologia e parenting, diventati bestseller e tradotti in diversi Paesi. Ha vinto numerosi premi letterari. Ingresso libero sino a esaurimento dei posti. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Medioevo e Barocco a lume di candela, passeggiata e degustazioni tra le vie di Caccamo

    • dal 19 agosto al 27 ottobre 2019
    • Per luogo d'incontro chiamare i numeri nell'articolo
  • La fiaba come strumento di guarigione, l'incontro con Patrizia Boi e Maria Burgarella

    • Gratis
    • 27 ottobre 2019
    • Hotel Ai Cavalieri
  • "Accessibili...tea!", a Palazzo delle Aquile un convegno in cui si parla di Dsa

    • Gratis
    • 28 ottobre 2019
    • Palazzo delle Aquile

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • Medioevo e Barocco a lume di candela, passeggiata e degustazioni tra le vie di Caccamo

    • dal 19 agosto al 27 ottobre 2019
    • Per luogo d'incontro chiamare i numeri nell'articolo
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • "Manna dal cielo" a Cefalù, le opere di Giorgio Vasari in una mostra al museo Mandralisca

    • dal 10 marzo al 31 ottobre 2019
    • Museo Mandralisca
Torna su
PalermoToday è in caricamento