La signora Lucia di Napoleon in un libro, la presentazione alla Casa Memoria Impastato

Si apre la Rassegna intitolata "Il Valore di essere donne", curata da Navarra Editore e Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato. Dedichiamo l’iniziativa a Felicia Bartolotta Impastato, una madre che ha lottato per difendere la memoria del figlio e contro la mafia, aprendo la sua casa come luogo di verità, giustizia e cultura. 

Il primo appuntamento il 1 Dicembre ore 18.00, presso Casa Memoria con la presentazione del libro "La signora Lucia di Napoleon. Storia di una donna" di Lucia Capizzi e Rosaria Cascio. Saranno presenti le autrici del libro Rosaria Cascio e Lucia Capizzi. “Una storia di riscatto. Lucia Capizzi è nata a Palermo nel 1928, oggi ha novant’anni. Ha la quinta elementare, vive nella borgata marinara Arenella. Orfana di padre e abituata fin dalla più tenera età a lavorare, nel ’46, finita la guerra, si propone come commessa nella ditta di calzature Spatafora. Viene assunta e ne esce nel 1998 come direttrice del prestigioso Napoleon, negozio di punta dedicato all’élite cittadina. La sua storia personale attraversa la Storia e ci regala un accurato spaccato di Palermo, dagli anni della Seconda Guerra Mondiale agli anni Ottanta". 

Le autrici: Lucia Capizzi è nata e vive a Palermo, dove ha lavorato cinquant’anni per la Spatafora. Dal 1947 al 1998 la signora Lucia da commessa è diventata direttrice, padrona di casa di Napoleon, il più prestigioso dei negozi-salotto degli Spatafora. Rosaria Cascio è insegnante di Lettere nei licei a Palermo. È cresciuta nei gruppi giovanili di padre Giuseppe Puglisi e da anni è impegnata in un’attività di testimonianza nelle scuole e nelle comunità. Ha pubblicato, con F. Palazzo e A. Cavadi, Beato fra i mafiosi. Don Puglisi: storia, metodo, teologia (Di Girolamo, 2013), con R. Lopes e N. Lanzetta, P.G. Puglisi. Sì, ma verso dove? Identikit di un beato animatore vocazionale (Il pozzo di Giacobbe, 2015) e con S. Ognibene, Il primo martire di mafia. L'eredità di Padre Pino Puglisi (Dehoniane 2016). Da insegnante ripropone in classe la pedagogia e la metodologia dell'educatore Puglisi. Di questa relazione educativa racconta il libro pubblicato nel 2015 da Navarra Editore, Io pretendo la mia felicità. Ho pagato tanto e adesso me la merito, scritto insieme ad una sua classe di liceo. Il libro è poi diventato uno spettacolo teatrale.

Il valore di essere donne

"Così questa donna si è fatta in un giorno: le lacrime non sono più lacrime ma parole, e le parole sono pietre”. E’ una frase che Carlo Levi dedica a Francesca Serio, madre coraggio in lotta contro la mafia, ma possiamo dedicarla a tutte le protagoniste di una Rassegna Letteraria che sono donne coraggiose in cerca del proprio riscatto. Che siano madri, lavoratrici, artiste o prostitute hanno in comune la lotta per migliorare la propria condizione, per uscire dagli stereotipi, per trasformare le lacrime in forza. Una forza che è proprio “la forza delle donne”, perché se qualcuno ha voluto ritenere l’essere donna un limite, ci sono donne che hanno dimostrato che proprio l’essere donna è il valore aggiunto.

Nei libri scelti che hanno tutti come sfondo la Sicilia, terra di oppressione, ma anche di coraggio, le protagoniste vivono una vita non convenzionale, uscendo da ciò che è stato loro predestinato, iniziano un percorso di emancipazione. Da Francesca Serio che lascia il marito, sceglie di lavorare nei campi fuori dalle mura domestiche e che lotterà fino alla fine per dare giustizia al figlio Salvatore Carnevale, ucciso dalla mafia, a Lucia Capizzi, donna nata povera in una borgata di Palermo, che si riscatterà tramite il lavoro diventando la direttrice di Napoleon, un prestigioso negozio della sua città in anni in cui alle donne non era concesso di sfidare un mondo tutto al maschile, a Lia Pasqualina Noto, pittrice palermitana, che sfidò le convenzioni sociali e artistiche del suo tempo. La donna a quel tempo era relegata al ruolo dei “dilettanti”, per un periodo si fingerà uomo per essere riconosciuta come artista, ospiterà nella sua casa ebrei e anarchici durante il fascismo. Arriviamo poi alle madri e figlie prostitute di “Malavita”; mentre incombe la povertà e la guerra, saranno costrette dal loro status sociale a una condizione da cui sembra impossibile uscir fuori, vessate da uomini che credono di poter dominare su tutto, anche sul corpo femminile, vittime di soprusi di ogni tipo, cercheranno in ogni modo di autodeterminarsi. La rassegna si conclude con il libro fotografico di Nerina Toci, artista nata in Albania e trapiantata in Sicilia, che racconta inquietudini, dubbi e disagi del mondo femminile, ma soprattutto la liberazione dagli stereotipi. Un percorso introspettivo che si esprime con un linguaggio artistico, teatrale, a volte ironico. Gli ambienti che fanno da sfondo sono quelli di una Sicilia decadente, surreale e poetica.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Giornata in ricordo di Alfio Gennaro di Medici senza frontiere al Don Bosco Ranchibile

    • 6 aprile 2019
    • Istituto Salesiano Don Bosco Villa Ranchibile
  • Il mio mondo animato, laboratorio per bambini tra film e merenda da Cucù

    • 30 marzo 2019
    • Cucù
  • (R)evolution Romagnolo, una domenica mattina nel segno di una spiaggia pulita

    • solo oggi
    • Gratis
    • 24 marzo 2019
    • Spiaggia di Romagnolo

I più visti

  • Modigliani Experience, "les femmes" in versione multimediale in una mostra a Palazzo Bonocore

    • dal 3 novembre 2018 al 31 marzo 2019
    • Palazzo Bonocore
  • La Casa delle Farfalle arriva a Palermo, il Museo Riso si trasforma in un giardino d'inverno

    • dal 14 febbraio al 15 giugno 2019
    • Museo Riso
  • "Rosalia eris in peste patrona", la storia della santa palermitana in mostra a Palazzo Reale

    • dal 4 settembre 2018 al 5 maggio 2019
    • Palazzo Reale
  • Palermo Capitale del Regno, al Salinas una mostra sui Borbone tra Palermo, Napoli e Pompei

    • dal 2 dicembre 2018 al 31 marzo 2019
    • Museo Salinas
Torna su
PalermoToday è in caricamento