Le infiltrazioni mafiose nell'industria pubblica, il libro "Pecunia non olet" al centro studi Borsellino

Le infiltrazioni mafiose nell'industria pubblica. Il caso Finmeccanica "Pecunia non olet" di Alessandro Da Rold. Presentazione venerdì 15 febbraio al Centro Studi Paolo e Rita Borsellino, in via Gian Lorenzo Bernini, 52/54, ore 17.30. Intervengono: Vittorio Teresi, Noordin Haji, Rossella Daverio, Francescomaria Tuccillo. 

Uno dei più importanti boss mafiosi, latitante per vent’anni, faceva affari per conto di Finmeccanica, fiore all’occhiello dell’industria pubblica italiana. Una storia che appare incredibile. Fra omertà, giochi diplomatici internazionali e grandi affari, ecco chi copre la mafia e chi la combatte con tenacia e coraggio. 

La mafia che non uccide ma vende armi. Elicotteri, mitragliatrici, bombe, fregate militari: un arsenale ricchissimo e pronto all’uso là dove le guerre causano morti e arricchiscono i portafogli di speculatori e dittatori. La storia raccontata da Da Rold è incredibile perché fa vedere come l’illegalità criminale possa trasformarsi in una pratica normale e ripetuta, al punto che un latitante come Vito Palazzolo, «uno dei soggetti più pericolosi della comunità criminale internazionale», ricercato già da Giovanni Falcone e finalmente arrestato nel 2012, riesce a entrare nei salotti buoni del commercio internazionale e fare affari con Finmeccanica, Agusta e vari governi, incluso il Sudafrica di Nelson Mandela.

A dire di no sono pochi: alcuni valorosi magistrati del Sud, di Napoli e Palermo, cui si affiancheranno quelli del Nord, di Busto Arsizio e di Milano. Dice di no, pagandone il prezzo, anche Francescomaria Tuccillo, avvocato e manager napoletano, direttore di Finmeccanica per l’Africa subsahariana. Nonostante il vento spiri a favore di chi agisce nell’illecito, alla fine la verità vincerà. La partita è enorme: in gioco c’è il destino del colosso della difesa, attraversato da scandali e arresti e da un intrico di poteri, in cui si mescolano politica, servizi segreti, mafia, massoneria, criminalità organizzata, che ha compromesso la competitività dell’industria italiana e messo in gioco il futuro economico del nostro paese, la sua capacità di creare lavoro e il suo ruolo sullo scacchiere internazionale. 

Alessandro Da Rold (1980), cronista di giudiziaria, economia e politica, ha lavorato per “il Riformista”, “Lettera43”, “Linkiesta” e “La Verità”. Per anni si è occupato di Lega e nel 2012 ha pubblicato il libro Lega Spa (Edizioni Cento Autori), un’inchiesta sui conti del partito. Segue da vicino le aziende partecipate italiane, in particolare il colosso petrolifero Eni. Ha scritto spesso anche di servizi segreti e di difesa. È stato tra i primi a occuparsi del caso Finmeccanica.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Morte di un bravo ragazzo", la storia di Mario Biondo in un libro presentato al Mercato

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 giugno 2019
    • Sanlorenzo Mercato
  • Dopo l'"apericena" a Palermo arriva l'aperi-libro: la rassegna alla casa editrice Nuova Ipsa

    • 28 giugno 2019
    • Nuova Ipsa Editore
  • "Il rapporto giovani 2019", la condizione dei ragazzi nell'ultimo anno in un convegno

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 giugno 2019
    • Xinergie

I più visti

  • La Casa delle Farfalle arriva a Palermo, il Museo Riso si trasforma in un giardino d'inverno

    • dal 14 febbraio al 15 luglio 2019
    • Museo Riso
  • Leonardo da Vinci a Palermo: macchine, disegni e anatomia in mostra a Palazzo Bonocore

    • dal 13 aprile al 29 settembre 2019
    • Palazzo Bonocore
  • Radio Italia fa il bis: a Palermo anche Mika, Mahmood, Thegiornalisti e tanti altri

    • Gratis
    • 29 giugno 2019
    • Foro Italico
  • Francobolli, autoritratti e art couture: a Palazzo Zingone una mostra su Frida Kahlo

    • dal 7 giugno al 29 settembre 2019
    • Palazzo Zingone Trabia
Torna su
PalermoToday è in caricamento