"Sicilia, il Grand Tour", la mostra sul viaggio che Goethe fece nell'Isola a Palazzo Reale

Venerdì 20 ottobre, alle ore 18, sarà inaugurata a Palazzo Reale, Sala Duca di Montalto, la mostra dal titolo “Sicilia, il Grand Tour” - (acquerelli di Fabrice Moireau - un racconto di viaggio di Lorenzo Matassa) che illustra il viaggio che Goethe fece in Sicilia nel 1787.

“Sicilia, il Grand Tour” è il titolo della mostra di acquerelli di Fabrice Moireau, organizzata dalla Fondazione Federico II e dall’Assemblea regionale siciliana in collaborazione con la Fondazione Tommaso Dragotto. La mostra, visitata stamattina in anteprima dalla stampa alla presenza tra gli altri dell’artista, inaugura al pubblico questo pomeriggio alle 18 e si protrarrà fino all’8 gennaio 2018. Circa 400 opere a colori del "pittore dei tetti di Parigi" tracciano un nuovo percorso goethiano. 

Illustri viaggiatori hanno offerto il proprio sguardo per raccontare la Sicilia al mondo intero. Superarono mille difficoltà per scoprire paesaggi disegnati dalla natura e rileggere ciò che l’antichità e l’arte avevano consolidato in monumenti d’immenso valore. Nelle loro parole la Sicilia fu il luogo della definitiva crescita conoscitiva ed emozionale. Nasceva il “Grand Tour” e Goethe ne era il massimo profeta.

A distanza di quasi due secoli e mezzo da quel tempo, l’Isola rivive un nuovo “Grand Tour” affidato ai pennelli e alle matite di uno dei più grandi acquarellisti del mondo, Fabrice Moireau, e al racconto di viaggio di Lorenzo Matassa. Così il vicepresidente dell'Ars e della Fondazione Federico II, Giuseppe Lupo: "L'Ars e la Fondazione Federico II - dichiara - hanno voluto suggellare cinque anni di buona cultura con una mostra dal sapore turistico. Gli acquerelli di Morieau fanno sognare chi li osserva e rappresentano anche una guida artistica per i tanti turisti che da Palermo e da Palazzo Reale iniziano un tour alla scoperta dei luoghi più belli dell'Isola". 

"È una mostra di grande impatto - asserisce Francesco Forgione, direttore generale della Fondazione Federico II - che vuole offrire ai turisti un attraversamento della Sicilia ripercorrendo i luoghi di Goethe e corona il boom turistico dell'Isola, di cui la Fondazione Federico II e il Palazzo Reale sono stati protagonisti”. Nei luoghi ritratti l’artista si è recato personalmente, accompagnato dall’inseparabile zaino che contiene gli attrezzi da lavoro: la tavolozza, i colori, i fogli bianchi, i pennelli, l’immancabile sgabello pieghevole.“Da trent’anni vado in giro per il mondo e disegno quello che vedo – dice l’artista Moireau - La Sicilia è unica. E’ un piccolo continente, con mare, montagna, arte, storia. Cosa mi è rimasto più impresso? Difficile dirlo, ma certamente il Tempio di Segesta mi ha emozionato. Come una farfalla rimasta poggiata lì da secoli”.

Riprese dalla mano sapiente del maestro Moireau diventano acquerelli le testimonianze archeologiche dell’Isola, le vedute di alcune riserve naturali, le isole minori, i numerosi castelli, gli scorci dei siti UNESCO. Un lungo itinerario nella Sicilia più intima, nei luoghi meno conosciuti, ma non per questo meno affascinanti e meritevoli di un viaggio. “Sicilia, il Grand Tour” è anche un libro di successo edito dalla Fondazione Tommaso Dragotto, arricchito dal racconto del magistrato scrittore Lorenzo Matassa. Già nel titolo c’è il richiamo alle suggestioni di quel fenomeno che, tra il Settecento e la prima metà dell’Ottocento, portò in Sicilia viaggiatori stranieri e uomini di cultura accompagnati da artisti del paesaggio. Così accadde a Goethe che visitò l’Isola nel 1787. Il suo diario, illustrato dagrand tour-2 Christoph Heinrich Kniep, divenne leggenda.

Nato a Blois, in Francia, nel 1962, Fabrice Moireau è laureato all’École nationale supérieure des arts appliqués et des métiers d’art di Parigi. I suoi libri, diari di viaggio all’acquerello, rappre­sentano importanti testimonianze socio-culturali. Grande amante dell’architettura e dei giardini, Moireau, grazie alla tecnica dell’acquerello, riesce a riprodurre il sottile gioco di luci e restituire l’atmosfera di un monumento, di un paesaggio, di una strada.

Ha realizzato numerosi libri tra i quali: “Paris”, edito da Louis Vuitton, “Carnet d’une femme de chambre” e i cataloghi del “Festival international des jardins“ per il Domaine de Chau­mont-sur-Loire. Fabrice Moireau ha pubblicato diversi titoli: “Paris”, “Tetti di Parigi”, “Giardini di Parigi”, “Loira”, “New York”, “Roma”, “Firenze”, “Venezia” e “Berlino”. Moireau vive a Firenze, ma è cittadino del mondo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Si possono sapere gli orari e giorni di visita del tour in oggetto . Grazie Sergio

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • "Manna dal cielo" a Cefalù, le opere di Giorgio Vasari in una mostra al museo Mandralisca

    • dal 10 marzo al 31 ottobre 2019
    • Museo Mandralisca

I più visti

  • Palermo a luci rosse: una passeggiata nel segno di eros, vizi, peccati e case chiuse

    • solo oggi
    • 18 ottobre 2019
    • Piazza San Domenico
  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • Birra&Griglia Fest, a Villa Filippina va in scena l'Oktoberfest palermitano

    • dal 18 al 20 ottobre 2019
    • Villa Filippina
  • Medioevo e Barocco a lume di candela, passeggiata e degustazioni tra le vie di Caccamo

    • dal 19 agosto al 27 ottobre 2019
    • Per luogo d'incontro chiamare i numeri nell'articolo
Torna su
PalermoToday è in caricamento