"Attraversamenti": percorsi, passaggi e trascorsi dell'anima in una mostra a Terrasini

Domenica 16 dicembre alle ore 18.00 presso il Margaret Cafè, in Via V. Madonia 93 a Terrasini (PA), sarà inaugurata la mostra di pittura di Ivana Di Pisa intitolata “Attraversamenti”. La mostra, visitabile tutti i giorni dalle 9:00 alle 22:00 fino al 12 Gennaio 2019, è promossa e curata dall’Associazione Asadin, con la collaborazione dell’ass.ne RicercArte, con testo di presentazione di Evelin Costa. 

Presentazione di Evelin Costa: “Attraversamenti” questo è il titolo della mostra di pittura di Ivana Di Pisa. Protagonisti i percorsi, i passaggi, i trascorsi, i camminamenti, quelli reali e quelli dell’animo umano. Emerge da queste opere, realizzate in olio e acrilico su carta telata intelaiata, un sentimento profondo per la natura, mare e terra. Una natura che affiora con la sua forza luminosa e cupa, fredda ma viva, solida come pietra, ma effimera come aria. 

Gli attraversamenti sono luoghi, ma sono soprattutto “ponti” tra un luogo e un altro, sono atmosfere. Sono metafora di cambiamento, di crescita, di movimento, di viaggio. Sono quegli spazi che nessuno si sofferma ad osservare, ma le cui orme, che calpestiamo attraversandoli, raccontano il cammino di molti di noi. Gli attraversamenti sono anche metaforiche barche che ci permettono di superare i nostri orizzonti e limiti, di varcare i confini e sperimentare nuove vite. 

La pittrice non riproduce paesaggi esistenti, ma il ricordo di essi. La sua è una rappresentazione, non slegata dalla realtà, una realtà doppiamente mediata, dal mezzo artistico e dalla memoria, che in un processo osmotico fa da tramite, reinventando nuovi luoghi-non luoghi che esistono solo nella sua mente e rivivono in quella di chi osserva, che a suo modo rievoca nella propria reminiscenza territori esistiti o mai esistiti, in un circolo empatico ed affascinante dove ognuno è libero di avere il proprio déjà vu. Chi può dirci se la realtà sia oggettiva, o sia solo il risultato della nostra percezione, che la rende vera, ma non assoluta? 

Le opere di Ivana Di Pisa sono equilibrate, non ci sono vuoti, ma niente è superfluo. Non ci sono ampiezze, ma nemmeno costrizioni. L’essere umano è assente-non assente, quando si vede è riflessivo, quando non è rappresentato, c’è sempre, nel suo attraversare il tempo e la vita. In questa pittura spatolata e materica, aria, mare, terra, pietra, alberi, fiumi e fronde si fondono diventando un unico corpo. L’aria è fredda, c’è l’atmosfera dell’alba che colora tutto di un chiarore soffuso, c’è l’imbrunire quando il cielo comincia a scurire e la luce lascia spazio a nuove ombre, minori contrasti, piccoli bagliori.

C’è il tramonto nel momento in cui sta per svanire, veloce come il sole che soffoca dentro al mare, creando colori profondi. C’è il bagliore accecante di certe giornate afose quando il cielo e il mare sembrano quasi bianchi. Ci sono le suggestioni dell’inverno, perché anche i paesaggi di una Sicilia sempre poetica, misteriosa e fragile, hanno freddi che gelano l’anima. La Sicilia, così raccontata, è una terra che sa essere melanconica ed introspettiva come poche. Tutto a volte è silenzio, un silenzio che ha tanta musica al suo interno e tante parole che volano lontano. 

Ivana Di Pisa è nata a Palermo dove vive e lavora. Autodidatta, da sempre appassionata di arte e di pittura, ha frequentato per diversi anni i corsi liberi del nudo all’Accademia di Belle Arti di Palermo. Fondamentali la frequentazione dello studio dell’artista Gai Candido ed incontri con vari artisti che lasceranno una traccia nell’evoluzione del suo lavoro. Nel ‘75 la sua prima personale con quadri a olio su tela di sacco, in cui viene fuori la predilezione per i paesaggi tipicamente siciliani e gli scorci di strade e case di piccoli paesi. 

Negli anni successivi apprende le tecniche dell’incisione, della decorazione, della ceramica e della cartapesta. Nel 2008 una personale con tele e lavori con l’esclusivo uso della carta. Partecipa a numerose rassegne e collettive in varie gallerie e centri d’arte, tra cui il Cenacolo e la galleria Prati. Dopo anni di sperimentazione e uso di materiali diversi, ritorna alla pittura nel 2010, con una personale presso l’Associazione Mutazioni, in cui su supporti per lo più rigidi utilizza acrilici e spatola, una tecnica per lei del tutto nuova che le permetterà di esprimersi, libera dai canoni che in passato si era imposta.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Francobolli, autoritratti e art couture: a Palazzo Zingone una mostra su Frida Kahlo

    • dal 7 giugno al 29 settembre 2019
    • Palazzo Zingone Trabia
  • Leonardo da Vinci a Palermo: macchine, disegni e anatomia in mostra a Palazzo Bonocore

    • dal 13 aprile al 29 settembre 2019
    • Palazzo Bonocore
  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale

I più visti

  • Francobolli, autoritratti e art couture: a Palazzo Zingone una mostra su Frida Kahlo

    • dal 7 giugno al 29 settembre 2019
    • Palazzo Zingone Trabia
  • Leonardo da Vinci a Palermo: macchine, disegni e anatomia in mostra a Palazzo Bonocore

    • dal 13 aprile al 29 settembre 2019
    • Palazzo Bonocore
  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • Estate al Teatro Bellini, cinque appuntamenti tra musica, danza e letteratura

    • dal 26 luglio al 28 settembre 2019
    • Teatro Bellini
Torna su
PalermoToday è in caricamento