I grandi classici arrivano in strada, nelle piazze palermitane si recita il Decamerone di Boccaccio

Il 18 maggio parte la sesta edizione dei "Classici in strada" con tre importanti appuntamenti in tre diversi quartieri e piazze della città (Ballarò, piazza Sant'Anna e Danisinni) dedicati al Decameron di Boccaccio, nella cornice di un lavoro biennale che le scuole hanno dedicato alla  ‘Città’, in omaggio a Palermo Capitale della Cultura 2018.

Il Decameron è a ragione uno dei libri-prospettiva, libri, cioè, che dischiudono orizzonti di significato ampi per gli uomini di ogni tempo. Libro che diviene, nelle innumerevoli performance messe a punto dagli studenti di ogni età, un grande canovaccio da esplorare attraverso l’arte, la musica e il teatro, per renderlo un’esperienza globale che possa essere condivisa con tutti. 

Il programma

Giunto alla sesta edizione, "Classici in strada" è un vasto progetto di rete che dal 2013 unisce scuola, Università e associazioni impegnate a vario titolo in un lavoro comune di studio, lettura, scambio e azione sotto il patrocinio dell’Usr Sicilia-AT Palermo e del Comune dei Palermo. La parola della grande letteratura esce fuori dalle aule e dalle biblioteche per arrivare nelle strade, nei quartieri segnati da alto disagio sociale e dispersione, nel carcere. La parola crea legami tra studenti piccoli e grandi e, come un filo sotterraneo, cuce tra loro i luoghi più distanti e, talora, più emarginati della città. Piazze e cortili di Ballarò, Borgo Vecchio, Brancaccio o Ucciardone divengono così teatri di incontro e azione cittadina.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Al halisah, i luoghi della Kalsa: alla scoperta del quartiere più antico di Palermo

    • 14 giugno 2020
    • Porta dei Greci
  • Sulle orme dei Florio, il tour letterario ispirato al romanzo "I Leoni di Sicilia" di Stefania Auci

    • 13 giugno 2020
    • Teatro Massimo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento