Ivan Vadori vola a Parigi per presentare "La Voce di Impastato"

Il saggio dedicato a Peppino Impastato sarà presentato nella sede dell’associazione Cercle National Des Garibaldiens. L’incontro verrà moderato da Valentina Piccoli e Damiano Dalle Sasse appartenenti ad Acli Francia, l’evento sarà in lingua italiana e francese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“La Voce di Impastato” vola a Parigi. Il saggio del giornalista Ivan Vadori dedicato all’attivista Peppino Impastato e corredato dalle fotografie di Elia Falaschi stasera alle 20 sarà presentato al pubblico italo-francese nella sede dell’Associazione Cercle National Des Garibaldiens. L’evento è una sinergia di varie realtà parigine: tra i promotori dell’iniziativa anche Acli France, Acli Paris, Laterale, Musica Italiana. Durante la serata la giornalista Tina Raucci leggerà alcuni brani tratti dal testo di Vadori accompagnata dalla chitarra dell’artista argentino Augustin Malamud. L’incontro verrà moderato da Valentina Piccoli e Damiano Dalle Sasse appartenenti ad Acli Francia, l’evento sarà in lingua italiana e francese.

“Sono immensamente felice, è la terza volta che torno a Parigi con questo progetto. Nel 2013 - afferma Vadori - sono stato ospite per una settimana al “Petit théatre du bonheur” di Montmartre e qui all’Anpi Parigi l’anno successivo, sempre con il documentario. Per me è una grande gioia presentare il mio libro in questa capitale della cultura, riconosciuta in tutto il mondo. Raccontiamo la storia di un ragazzo unico, patrimonio del nostro Paese. Dedico questa importante tappa (n.42 del libro e n.119 del progetto), all’amica e collega Floriana Bulfon (Espresso-Repubblica), giornalista d’inchiesta con la schiena dritta che scrive da anni sulla famiglia Casamonica. A fine mese uscirà il suo libro “Casamonica, la storia segreta” e pochi giorni fa ha avuto un’evidente minaccia ritrovando una bottiglia di liquido infiammabile nella sua auto a Roma. Segno che per loro è scomoda. Floriana ha risposto che continuerà a fare il suo dovere da reporter. Voglio dimostrarle la mia totale vicinanza e solidarietà”.

A distanza di un anno dall’uscita (3 maggio 2018, Nuovadimensione Editore) il libro “La Voce di Impastato” ha ottenuto importanti riconoscimenti: la Treccani nella propria enciclopedia on-line, cita il libro all’interno della biografia dell’attivista Peppino Impastato e la città di Matera (Capitale Europea della Cultura 2019) ha concesso il patrocinio al progetto editoriale del giornalista Ivan Vadori e del fotografo Elia Falaschi.

Per i prossimi giorni e il mese di maggio sono già previste altre tappe del tour di Vadori-Falaschi tra le quali Laterina Pergine (Arezzo), Venezia, Forte dei Marmi (Lucca), San Salvo (Chieti) il 9 maggio a 41 anni dalla morte dell’attivista Impastato, il Festival èStoria di Gorizia e Cinto Caomaggiore (Venezia). Sul mensile Tuttifotografi nella sezione portfolio del numero di maggio uscirà un’approfondita intervista di dieci pagine a Elia Falaschi curata da Eugenio Tursi in riferimento all’apparato fotografico del libro.

Tra le tappe del mese prossimo la mostra fotografica di Elia Falaschi “La Voce di Impastato, Volti e Parole contro la Mafia” sarà esposta all’università di Pavia e visitabile dal 6 al 19 maggio presso il cortile delle statue dell’università centrale, corso Strada Nuova n.65. L’inaugurazione e la presentazione del libro sono fissate per lunedì 6 alle ore 18:30 alla presenza degli autori.

Tutte le altre informazioni aggiornate sul progetto sono presenti sulla pagina Facebook “La Voce di Impastato” e sui siti degli autori www.ivanvadori.it e www.eliafalaschi.it

Torna su
PalermoToday è in caricamento