"I Sogni Son Desideri. Sono Bambina, Non Una Sposa", la presentazione alle Mura delle Cattive

Giovedì 6 agosto alle ore 19,30 presso le Mura delle Cattive si terrà la presentazione del nuovo Testo di Giorgia Butera "I Sogni Son Desideri. Sono Bambina, Non Una Sposa".

Interverranno Giorgia Butera, Presidente Mete; Federica Aluzzo, Consigliera Comunale - Città di Palermo; Valentina Vivona, Psicologa Sprar e Membro Consiglio Direttivo Mete; Clelia Lombardo, Docente-Scrittrice.

Il testo dal titolo “I Sogni Son Desideri.  Sono Bambina, Non Una Sposa”, presenta l’uomo di oggi trattando tematiche inerenti l’alta dignità dell’individuo, come educazione sentimentale, educazione sessuale, diritti umani, accoglienza, discriminazione, parola. La seconda parte del testo è dedicata integralmente allo studio ed alla ricerca internazionale riguardante il fenomeno dei matrimoni precoci e forzati e le spose bambine, tracciando il percorso della Comunità Internazionale  “Sono Bambina, Non Una Sposa”.  Si tratta di una Comunità per l'Attuazione Buone Pratiche in Materia dei Diritti Umani. Un impegno umanitario che nonostante la negazione delle parole scritte, parla d’amore. La Comunità Internazionale è la naturale trasformazione in termini di progettualità della Campagna di Sensibilizzazione “Sono Bambina, Non Una Sposa”, terminata il 3 Giugno 2015. Una campagna dall’alto tema e piena riconoscibilità sia nazionale sia  internazionale.

Giorgia Butera, sociologa della comunicazione, scrittrice ed impegnata da diversi anni nella cooperazione umanitaria internazionale. Ingresso Libero. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Al halisah, i luoghi della Kalsa: alla scoperta del quartiere più antico di Palermo

    • 14 giugno 2020
    • Porta dei Greci
  • Sulle orme dei Florio, il tour letterario ispirato al romanzo "I Leoni di Sicilia" di Stefania Auci

    • 13 giugno 2020
    • Teatro Massimo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento