#PalermoChiamaItalia, sul palco di piazza Magione Anastasio, Vezzali e Sasà Salvaggio

La campionessa di scherma, in veste di madrina dei Campionati italiani assoluti olimpici e paralimpici di Palermo2019, farà tappa anche a Bagheria per dirigere l'evento “Una stoccata per la legalità" che vedrà gli studenti della scuola Ciro Scianna esibirsi in pedana

Il palco di piazza Magione

In occasione del ventisettesimo anniversario della strage di Capaci, Valentina Vezzali torna a Palermo. La campionessa di schermadomani mattina, dopo le 11, salirà sul palco in piazza Magione, per #PalermoChiamaItalia. Tra i tanti ospiti della giornata presenti anche il vincitore dell'ultima edizione di X Factor, Anastasio, e Sasà Salvaggio.

"Quando avvenne la strage di Capaci - scrive Anastasio sul suo profilo Facebook - io non ero nemmeno nato, ma è un avvenimento che mi è stato spiegato a scuola e raccontato spesso, perchè ha segnato la storia recente della nostra nazione ed ha rappresentato una svolta nella lotta alla criminalità organizzata. La mafia è una montagna di merda. Ed è per questo che è importante partecipare il 23 maggio alla manifestazione che si svolgerà a Palermo, #PalermoChiamaItalia, perchè le idee non muoiono, finché camminano sulle gambe delle persone. Ci vediamo alla manifestazione, dalle 10 in piazza Magione e dalle 17 all'Albero Falcone".

Prima di fare tappa in città, la Vezzali, in veste di madrina dei Campionati italiani assoluti olimpici e paralimpici di Palermo2019, dialogare con gli studenti della scuola Ciro Scianna di Bagheria e dove andrà in scena “Una stoccata per la legalità", evento che vedrà i ragazzi esibirsi in pedana.

Oltre 70 mila studenti attesi a Palermo per partecipare alla manifestazione promossa dal 2002 dal ministero dell’Istruzione e dalla Fondazione Falconech e si svolge sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Rientra in un percorso promosso dal Miur per incoraggiare nelle scuole attività didattiche mirate alla cultura del rispetto e della legalità e per una cittadinanza attiva e responsabile. L’evento in questi anni è andato arricchendosi di importanti contributi grazie agli accordi firmati con l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), la Procura nazionale antimafia e antiterrorismo, il Consiglio superiore della magistratura (Csm), l’Associazione nazionale magistrati (Anm).

Potrebbe interessarti

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Estate uguale esodo al villino, ecco come i palermitani possono arredare la casa al mare

  • Gerani, i giardini palermitani ne sono pieni: come creare addobbi e segnaposto

I più letti della settimana

  • Vedono donna sola in casa e provano a violentarla: lei urla, marito la salva a suon di cazzotti

  • Tramonta il sogno cinese, crolla l'impero Z&H: sequestrati 7 centri commerciali

  • Lutto nel mondo del tifo palermitano, morto ultras della Curva Nord Inferiore

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

  • La Casa di carta, mistero svelato: al Politeama spunta la scritta: "Palermo è dei nostri"

  • Beneficiari del reddito di cittadinanza scrivono al sindaco: "Vogliamo pulire lo Zen"

Torna su
PalermoToday è in caricamento