Mariella Devia in concerto, il soprano apre la stagione dei recital al Teatro Massimo

Mercoledì 30 gennaio alle ore 20.30 nella Sala Grande del Teatro Massimo di Palermo ritorna con un atteso recital il soprano Mariella Devia, accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa. Primo appuntamento della nuova stagione di concerti di canto e pianoforte del Teatro Massimo di Palermo, il concerto di Mariella Devia si apre e si chiude con i grandi ruoli del belcanto italiano, quel repertorio che tante volte l’ha vista protagonista applauditissima delle stagioni del Teatro Massimo, con tre indimenticabili edizioni di Lucia di Lammermoor di Donizetti ma anche in Anna Bolena, La sonnambula, I Capuleti e i Montecchi, fino alla Norma del 2017.

Il programma del concerto si aprirà con “Come è bello” da Lucrezia Borgia e “L’amor suo mi fè beata” da Roberto Devereux di Donizetti, per passare, dopo un interludio pianistico con il Rossini dei Péchés de vieillesse e con Mendelssohn, al repertorio francese ottocentesco con due romanze di Liszt e Gounod e la virtuosistica Aria dei gioielli dal Faust di Gounod. In apertura della seconda parte arie dal Corsaro e da Giovanna d’Arco di Giuseppe Verdi e infine, dopo il Notturno op. 70 n. 1 per pianoforte di Giuseppe Martucci, conclusione con l’aria finale del Pirata di Bellini, “Col sorriso d’innocenza”. 

Mariella Devia, acclamata da pubblico e critica come regina del belcanto, trionfa da oltre quarant’anni in tutti i più importanti teatri del mondo grazie alle sue doti vocali e interpretative, “la splendida linea vocale, il legato, il sostegno e il controllo del fiato, la morbidezza degli acuti, il gusto e la musicalità come pure la padronanza della coloratura” (Elvio Giudici). Molte delle sue interpretazioni sono entrate nella storia dell’opera, prima fra tutte la sua Lucia in Lucia di Lammermoor, ma anche Gilda in Rigoletto, Konstanze in Die Entführung aus dem Serail, Donna Anna in Don Giovanni, Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi, Amina ne La sonnambula, Elvira ne I puritani, Adina ne L’elisir d’amore, Linda in Linda di Chamounix, Amenaide in Tancredi, Violetta ne La traviata, e in anni più recenti le regine della trilogia Tudor di Donizetti e Norma, solo per citare alcuni ruoli. Nel 2016 le è stato conferito a Londra il premio “International Opera Awards 2016” come miglior cantante femminile. 

Giulio Zappa dopo gli studi a Milano si perfeziona con Aldo Ciccolini e Irwin Gage, con quest’ultimo nel repertorio di musica vocale da camera, da sempre sua grande passione. Dal 1996 svolge intensa attività concertistica in tutto il mondo, accompagnando centinaia di artisti di varie generazioni della lirica italiana e straniera. Biglietti da 30 a 15 euro. La biglietteria è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Il rock de Le Vibrazioni e la musica classica di Beppe Vessicchio: il concerto al Golden

    • 17 marzo 2020
    • Teatro Golden
  • Covo Storico, rock italiano: in centro storico il concerto dei Fammelo Doppio

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2020
    • Covo Storico
  • The wall, un simbolo della musica mondiale: il tributo degli Inside Out al Golden

    • 21 marzo 2020
    • Teatro Golden

I più visti

  • Cooking show, chef stellati e cene gourmet: alla Fiera del Mediterraneo torna ExpoCook

    • dal 25 al 28 febbraio 2020
    • Fiera del Mediterraneo
  • "Caravaggio Experience. La fuga e l’indagine": viaggio tra videoinstallazioni a Palazzo

    • dal 22 dicembre 2019 al 30 aprile 2020
    • Palazzo Sant'Elia
  • "O'Tama", migrazione di stile: gli acquerelli giapponesi in mostra a Palazzo Reale

    • dal 7 dicembre 2019 al 6 aprile 2020
    • Palazzo Reale
  • "Quando le statue sognano", l'archeologia più prestigiosa del mondo tutta insieme al Salinas

    • dal 28 novembre 2019 al 29 marzo 2020
    • Museo Salinas
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento