Un venerdì made in Africa al Palab, sul palco il concerto del Dou Dou Group

Un venerdì made in Africa, con il migliore cantante del “continente nero” a fare da protagonista. Il Dou Dou group capitanato da Doudou Douf sarà in concerto venerdì 30 marzo alle 22 al Palab di Palermo in piazzetta del Fondaco (dietro la questura e a pochi metri da Ballarò).

Lo show è un racconto bellissimo che Doudou Douf fa attraverso le melodie da lui composte della cultura Africana, passando dal Senegal al Mali, Dalla Guinea alla Costa D’Avorio. Con la sua chitarra Doudou canta in wolof e in francese, parla di vita e di tradizioni, attraverso anche la collaborazione dei musicisti che lo accompagnano. Il basso è Federico Capraro, i tamburi africani sono gestiti da Lamin, le congas da Latina e il coro da Germana Salone.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Teatro Al Massimo, la Miracle Queen tribute band in concerto con la polifonia cori e archi

    • 16 novembre 2019
    • Teatro Al Masimo
  • Concerto omaggio agli Ac/Dc, la musica dei Dirty Eyes al Jayson Irish Pub

    • 14 novembre 2019
    • Jayson Irish Pub
  • "Figli di nessuno tour", il concerto di Fabrizio Moro sul palco del Teatro Golden

    • 9 dicembre 2019
    • Teatro Golden

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Tutto un mondo oltre lo schermo della tv, Paolo Bonolis presenta il suo libro a Palermo

    • solo oggi
    • 11 novembre 2019
    • Cinema Rouge et Noir
  • Teatro Al Massimo, la Miracle Queen tribute band in concerto con la polifonia cori e archi

    • 16 novembre 2019
    • Teatro Al Masimo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento