“Casual”, il nuovo spettacolo di Marcello Carini al teatro Lelio

Quarto appuntamento al teatro Lelio con la rassegna “Casual Theatre Project”, venerdì 24 marzo alle 21.30. Spazio a “Casual”, il nuovo spettacolo del regista e coreografo Marcello Carini, con il corpo di ballo dell’ASD Ensemble Junior Company.

Un vecchio proverbio di memoria manzoniana recita che “l’abito non fa il monaco”. Eppure i vestiti che indossiamo e gli accessori che portiamo, con i loro colori più o meno sgargianti, rappresentano il messaggio – o la maschera pirandelliana – che noi vogliamo offrire pubblicamente al mondo. Con ciò che indossiamo si parla, si comunica si evidenzia il proprio “Io verso gli altri”. Tutto questo sarà reso in chiave coreografica in “Casual”, il nuovo spettacolo del regista e coreografo Marcello Carini, con il corpo di ballo dell’ASD Ensemble Junior Company, venerdì 24 marzo alle 21,30 al teatro Lelio di via Antonio Furitano, 5. Il focus dello spettacolo è incentrato sulle relazioni odierne, ovvero quei rapporti “casual” dove - in una perfetta proporzione - gli oggetti stanno alle persone come queste alle relazioni, in un mix di lievi entità e difficoltà che paralizzano la propria veridicità d’animo.

Emerge quindi uno spettacolo che racconta un concetto europeo, che nella moda enfatizza la ricerca del confortevole, contrapposto alle convenzioni delle uniformi: la realtà costringe l’uomo a immergersi in continue contraddizioni. Tutti elementi che Marcello Carini - con freschezza scenica e brio - rende tangibili sul palcoscenico alternando velocità e lentezza, corpi ora asettici e ferventi, ora solidi e spezzati in continua evoluzione, oggetti e persone, essere e dover essere, suono e silenzio, quel silenzio dell’anima a cui si obbedisce senza troppi nterrogativi, che fa della società stessa un automa, fradicio di una pioggia frivola da cui, più che proteggersi, si nasconde con l’ombrello della parvenza.

Ecco, dunque, che oggetti della quotidianità - come collane, zaini, occhiali, borse, cappelli - diventano simboli di ricerca per i ballerini della compagnia, i quali, a seguito del laboratorio coreografico condotto da Marcello Carini, «hanno dato vita ” – spiega il coreografo - a delle vere e proprie “metafore coreografiche, frutto di un processo di induzione del pensiero, che è stato poi trasformato in movimento, rappresentando così non solo una piccola statistica fatta da un tappeto di giovani della società attuale, ma anche l’opportunità di esprimere in primis il proprio ragionamento e poi il mio, non rischiando così di uniformarsi a sagome e manichini in movimento». Una performance che porta a una domanda: quanto è arduo trovare il coraggio di riuscire a mantenere la propria autenticità, senza farsi sommergere da comode convenzioni? Molte le sorprese che il coreografo riserverà al pubblico, il quale sarà invitato a una profonda e giocosa riflessione, dove inevitabilmente i ricordi verranno coinvolti. «Chistian Dior – conclude Carini – diceva che “la moda evolve sotto l’impulso di un desiderio e cambia per effetto di una ripulsa” e tutti i torti non aveva: ritengo che viviamo, infatti, costantemente in un vortice di rigetto, adoriamo la forma con una tempistica abbastanza scandita e lottiamo costantemente e con ossessività contro la noia, senza fermarci mai a riflettere veramente sulla sostanza».

Una performance adatta a un pubblico giovane e non giovane, curioso e, ovviamente, “casual”. Lo spettacolo è il quarto appuntamento di “Casual Theatre Project”, rassegna di arti sceniche che ha esordito lo scorso dicembre 2016 al Teatro Lelio di Palermo e che si protrarrà fino a maggio 2017, in cui al centro vi è l’universo giovanile con le sue tematiche e problematiche introspettive e culturali. La direzione artistica è di Marcello Carini e la coordinazione artistica di Renata Orlando. I biglietti interi costano 13 euro, mentre i ridotti 10. Per informazioni e acquisto dei biglietti, potete rivolgervi al botteghino del Teatro Lelio telefonando allo 091 681 9122, mentre per informazioni e prenotazioni ad Adele Iezzi, presso la segreteria dell’A.S.D. Ensemble in via Bara all’Olivella 70. “Casual Theatre Project” continuerà nei mesi successivi. Il 7 aprile 2017 c’è “Social dance – Vintage show Retrò” dell’Associazione Culturale Swing&Shot. La filosofia e l’idea base sono quelle della divulgazione della cultura swing alle nuove generazioni. Regia di Daniele Savarino il quale, insieme a Claudia Funaro, cura anche le coreografie. Il 21 aprile 2017 l’Associazione Culturale Il Carrozzone porta in scena la grande commedia musicale di Garinei e Giovannini “A che servono gli uomini?”, diretto da Lamberto Cosenza. Il 12 maggio 2017 l’Atzewi Dance Company di Modena, sotto la guida del coreografo Alex Atzewi, concluderà la rassegna con “Le quattro stagioni di Vivaldi”.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Potrebbe Interessarti

    • Apre il Monastero di Santa Caterina, il weekend che anticipa la Pasqua

      • fino a domani
      • dal 8 al 25 aprile 2017
      • Monastero Santa Caterina
    • "The Urgent Beauty", la performance di Stefano Schirò al Museo Barbato di Piana degli Albanesi

      • Gratis
      • 1 maggio 2017
      • Museo Nicola Barbato
    • "Santi e santini. 500 anni di Cultura, Arte e Devozione", la mostra a Terrasini

      • Gratis
      • dal 18 marzo al 24 aprile 2017
      • Salone della Chiesa Madre

    I più visti

    • Apre il Monastero di Santa Caterina, il weekend che anticipa la Pasqua

      • fino a domani
      • dal 8 al 25 aprile 2017
      • Monastero Santa Caterina
    • "The Urgent Beauty", la performance di Stefano Schirò al Museo Barbato di Piana degli Albanesi

      • Gratis
      • 1 maggio 2017
      • Museo Nicola Barbato
    • "Santi e santini. 500 anni di Cultura, Arte e Devozione", la mostra a Terrasini

      • Gratis
      • dal 18 marzo al 24 aprile 2017
      • Salone della Chiesa Madre
    • "Il Caffè di Palermo", gli eventi al Caffè del Teatro Massimo

      • Gratis
      • dal 8 aprile al 1 luglio 2017
      • Caffè del Teatro Massimo
    Torna su
    PalermoToday è in caricamento