Degustazioni, workshop e visite guidate: al via Camporeale Days 

Una tre giorni dedicata alle eccellenze del territorio dell’Alto Belice. In programma anche approfondimenti su vitigni minori e nuove sperimentazioni, wine bio flavouring e cooking show dello chef stellato Biuso

Al via domani la sesta annata di Camporeale days, la manifestazione organizzata dall’Associazione turistica Pro loco Camporeale, con il patrocinio del Comune, nata per valorizzare e promuovere le risorse enogastronomiche, artistiche, artigianali e turistiche dell’alto Belice. Per tre giorni, fino a domenica 6 ottobre, all’interno del Baglio e del Palazzo del Principe e lungo il corso principale, si snoderà un programma fitto di visite guidate, degustazioni, workshop, cooking show, che si alterneranno con una mostra di moto e auto d’epoca, spettacoli di musica dal vivo e numerose altre iniziative. 

Camporeale, nota come “città del vino e del legno”, è profondamente ancorata alle tradizioni culturali legate a questi due elementi e la storia di questo piccolo comune dell’entroterra palermitano che si trova a 440 metri sul livello del mare, tra la Doc Alcamo e la Doc Monreale, è strettamente legata alle sorti delle coltivazioni che, più di tutte, raccontano la storia del Mediterraneo: il frumento, le olive e il vino, con eccellenze note ed apprezzate a livello internazionale. Intorno a queste risorse si è evoluto il tessuto urbano e obiettivo dei Camporeale Days è proprio quello di raccontarle e promuoverle. 

Appassionati del turismo sostenibile e dei metodi di produzione tradizionali e biologici, giornalisti, operatori del settore, potranno trovare qui interessanti spunti di riflessione e approfondimento. Nel villaggio espositivo allestito lungo il corso principale del paese e all’interno del Baglio del Palazzo del Principe, si potranno degustare vini e altri prodotti gastronomici con gli artigiani pronti a raccontare storie e metodi di produzione legati ad ogni singolo prodotto. Uno dei momenti clou della manifestazione sarà l’approfondimento tematico dei workshop, inoltre il programma prevede visite guidate alle aziende con bus navetta, degustazione e vendita di vini e prodotti tipici, mostre di prodotti artigianali e ancora visite guidate ad alcuni dei monumenti e palazzi più importanti del paese come il Palazzo del Principe, il Museo Camporeale e il Santuario della Madonna dei Peccatori. E ancora mostre di auto e moto d’epoca e spettacoli di musica dal vivo.

Visita delle aziende in navetta

Alessandro di Camporeale, Amato Salumi, Fattorie Azzolino, Feudo Disisa, Candido, Marchesi de Gregorio e Valdibella apriranno le porte delle proprie aziende per farle visitare ai partecipanti del Camporeale Days. Il ticket di partecipazione include la possibilità di visitare gratuitamente un'azienda a scelta, le successive visite hanno un costo di 2 euro a persona per ciascuna visita. É obbligatorio effettuare la visita con la navetta messa a disposizione dalla Pro Loco Camporeale con prenotazione del servizio presso l'apposita postazione. Non è possibile raggiungere le strutture autonomamente. La durata di ogni visita è di circa un'ora. 

Workshop e Masterclass

MASTERCLASS: Vitigni minori e di nuova sperimentazione, uno sguardo al futuro della viti-enologia siciliana
Venerdì 4 ottobre - Palazzo del Principe - ore 16
Degustazione guidata di vini sperimentali prodotti presso la cantina Sperimentale dell'IRVO, ottenuti da vitigni "minori", vitigni di nuova sperimentazione e loro assemblaggi.
Relatori: Antonio Sparacio  e Salvatore Sparla dell’Irvo

Il programma completo

COOKING SHOW: “Bianco mangiare” chef Giuseppe Biuso, una stella Michelin
Venerdì 4 ottobre - Ristorante Al Baglio - ore 17:00 
Biuso Giuseppe, classe 1988, ha avuto la fortuna di lavorare con grandi chef da nord a sud Italia, che gli hanno trasmesso l’amore per questo lavoro, arricchendo ancor più la tecnica, ma soprattutto il suo bagaglio professionale. Adesso è executive chef presso il Therasia resort di Vulcano dove spera di riuscire a trasmettere ai suoi ragazzi la passione che lui stesso mette ogni giorno entrando in cucina. Crede che la cucina sia fatta di sacrifici, molti sacrifici, passione, amore, gusto e arte. Il Therasia per lui è una possibilità per poter esprimere al meglio quello che è le sue origini mai dimenticate! Infatti nei suoi piatti non può mancare la sicilianità, l’attenzione alla migliore materia prima, trasformandola da antica tradizione ad innovazione.
 
MASTERCLASS: The Wine Bio-Flavouring
Venerdì 4 ottobre - Palazzo del Principe - ore 18:30 
Lieviti e biotecnologie a favore della complessità aromatica dei vini siciliani. 
Vini in degustazione: 3 Catarratto 2018, 6 Catarratto 2019 in lavorazione, 2 Nero d'Avola.
Relatore: Prof. Nicola Francesca, del dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari dell’Università degli studi di Palermo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento