Cogito, un aperitivo per la mente: l'appuntamento al Museo Storico dei Motori

Giovedì 8 febbraio alle 19.30, al Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi, sarà tempo del sesto "Cogito", un aperitivo per la mente. 

Che cos’è l’Intelligenza artificiale e perché ne siamo tanto affascinati e allo stesso tempo allarmati? Nel 2017, le aziende a livello globale hanno investito 1,3 miliardi di dollari in fusioni acquisizioni per assicurarsi competenze nel settore dell'intelligenza artificiale, cioè 26 volte in più rispetto al 2015. Si stima che l’Intelligenza artificiale farà crescere l’economia globale di 16 miliardi di dollari entro il 2030.

Chi investe di più e perché? Assistenti virtuali, sempre gentili e disponibili come Siri, Google Now, Cortana; video giochi che imparano dagli errori, le chat bot dei servizi clienti, i software anticrimine, le previsioni dei nostri acquisti e dei consumi, Smart home e Smart car e perfino giornalisti digitali in grado di fare il resoconto di una operazione in borsa al posto di un essere umano. Queste sono solo alcune delle applicazioni di Intelligenza artificiale sotto gli occhi di tutti, entrate già a pieno titolo nella nostra vita. Chi controlla, investe e produce questi progetti e perché? Cosa significherà avere il primato nel campo della Intelligenza artificiale? America, Cina e Regno Unito sono sul podio delle aziende che investono di più in termini di numero di imprese e di brevetti.

Al tema Intelligenza Artificiale è dedicato il sesto appuntamento di Cogito un aperitivo per la mente previsto giovedì 8 febbraio alle 19,30 al Museo dei Motori - Sistema Museale dell’Università di Palermo - in viale delle Scienze (Edificio 8). Se ne parlerà con Giulia Baccarin, la “regina degli algoritmi”. Laureata in Ingegneria Biomedica al Politecnico di Milano con tesi sulla modellazione predittiva, dopo aver approfondito l’argomento in Giappone presso la Waseda University di Tokyo, al suo rientro in Italia nel 2008 ha fondato la sede italiana della società di ingegneria I-care, oggi leader in Europa nella manutenzione predittiva e dell’affidabilità, presente in 9 Paesi del mondo con 250 ingegneri. Ha anche co-fondato MIPU, un gruppo di imprese che lavorano con l'obiettivo di supportare la realizzazione dell'azienda connessa e predittiva. Giulia Baccarin è attiva nella promozione di una discussione circa il ruolo dell’etica dell’intelligenza artificiale; temi a lei cari sono la diversità nelle comunità di programmazione e la jobless society.

Come di consueto Salvo Piparo e le sue CogitAzioni accoglieranno il pubblico, con la direzione di Alfio Scuderi. Musiche elettroniche e sax con Gianni Gebbia, proiezioni e pannelli faranno una radiografia del mondo dell’intelligenza artificiale. Sarà possibile anche visitare il Museo dei Motori, curato dall’Ingegnere Giuseppe Genchi, che custodisce importanti collezioni di motori, meccanismi, apparecchiature industriali, scientifiche e didattiche impiegate nel tempo in vari settori della ricerca e dell’insegnamento, a partire dalla seconda metà del XIX secolo, presso la Regia Scuola di Applicazione per Ingegneri e Architetti, oggi Scuola Politecnica. Il Museo dei Motori ha sede presso il Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale e fa parte del Sistema Museale dell’Università degli Studi di Palermo . E’ prevista anche una visita guidata con la comunità Instagram di Palermo. L’evento è stato inserito nel cartellone di Palermo capitale italiana della cultura.

Il vero protagonista di Cogito è  il pubblico che può diventare un moltiplicatore sociale. Cogito, ergo, faccio qualcosa. All’ingresso, infatti, il pubblico riceve carta e matita per dialogare in diretta con l’ospite della serata. Il progetto è nato da una idea di Alberto Tasca  d’Almerita e nella precedente edizione  sono stati affrontati diversi temi. L’obiettivo di Cogito è valorizzare tutto ciò che “vive” attorno al sistema produttivo: l’ambiente, il paesaggio, la cultura e le tradizioni della comunità. Questo “viaggio” si concretizza nella promozione di eventi e attività culturali, per raccontare ciò che è positivo, interessante e che possa far crescere il territorio. Cogito non si lamenta mai, Cogito non critica ma propone soluzioni. È  un momento serio, ma non serioso.

Cogito vuole essere un osservatorio di riflessione sulla realtà e sui fenomeni sociali contemporanei. Un “defibrillatore sociale” per tutti noi, improntato sull’ottimismo, sulla valorizzazione del Bene Comune. Cogito riflette e fa riflettere: futuro, ambiente, tecnologia e intelligenza artificiale, scuola, libri e cultura, arte, scoperte e misteri, start up, food, itinerari, famiglia, universo, italianità, rispetto per l’altro sono solo alcuni degli argomenti che intende trattare. Cogito intende guardare alla nostra realtà in termini positivi per un miglioramento continuo, per analizzare i fenomeni culturali e meglio comprenderli, creare spazi di coesione e interazione sociale, realizzare occasioni di scambio; per  ascoltare, riflettere, parlare, ricercare, condividere ma, soprattutto, fare. Cogito parte da Palermo e si svolgerà in luoghi diversi per creare rete tra teatri, spazi di cultura e urbani.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cibo e Vino, potrebbe interessarti

  • Note di gusto, l'aperitivo della domenica: al Finger il concerto dei Due T

    • solo oggi
    • 17 novembre 2019
    • Finger

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Bim Bum Bam, giocattoli diventano opere d'arte: due mesi di mostra allo Steri

    • Gratis
    • dal 3 ottobre al 23 dicembre 2019
    • Complesso Monumentale dello Steri
  • Da Monet e Van Gogh a Klimt, sette capolavori perduti rivivono in 3D all'Abatellis

    • dal 10 ottobre al 8 dicembre 2019
    • Palazzo Abatellis
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento