Natale amaro per i lavoratori di Fortè: "Situazione grave, servono tutele"

Vertenza Meridi, il gruppo sarebbe intenzionato a ritirare la procedura di ristrutturazione del debito per presentare richiesta di amministrazione straordinaria. Il sindacato chiede il pagamento degli arretrati, Flauto: "Si garantiscano anche le indennità previste dallo Stato"

"La situazione è grave, Meridi metta in campo tutte le iniziative a tutela dei lavoratori per garantire un’indennità di sostegno". Lo afferma Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia, commentando le ultime notizie sulla vertenza che interessa i negozi Fortè e centinaia di lavoratori.

Il gruppo avrebbe infatti preannunciato l’intenzione di ritirare la procedura di ristrutturazione del debito avvalendosi della legge fallimentare, presentando invece richiesta per l’amministrazione straordinaria, che lascia presagire scenari peggiori. La decisione di Meridi cambia completamente la situazione per Apulia e richiederà altro tempo.

“Rimane una priorità per i lavoratori ricevere le spettanze dovute - dice Flauto - parliamo ormai di diverse mensilità, della quattordicesima, della tredicesima. La situazione grave e l’azienda deve comunque mettere in campo iniziative a tutela dei lavoratori, siano usati gli strumenti che lo Stato mette a disposizione per garantire quanto meno il pagamento di un’indennità. In questo modo non hanno nulla, durante le feste sarà un dramma per tante famiglie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

Torna su
PalermoToday è in caricamento