"E' tra le donne che stanno cambiando l'Italia", Startup Italia premia la palermitana Patrizia Di Dio

Presidente di Confcommercio Palermo e a capo del marchio La Vie en Rose è stata inserita per il secondo anno consecutivo nell'elenco delle "manager, attiviste, ricercatrici che si distinguono per quello che fanno"

Patrizia Di Dio

Per il secondo anno consecutivo una palermitana è stata inserita nella lista di Startup Italia delle donne "da seguire nell'innovazione in Italia: fondatrici, manager, attiviste, ricercatrici che si distinguono per quello che fanno e che potrebbero essere d'esempio". Si tratta di Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo e a capo del marchio di abbigliamento La Vie en rose.

"Su 10.178 startup in Italia - si legge a corredo dell'elenco - solo 1.364 sono a forte prevalenza femminile. Guida come sempre Milano con 198, seguita da Roma con 150 e poi via con Napoli, Salerno, Torino, Padova, Ancona, Palermo, Verona, Bologna e Treviso. Non parliamo della politica dove anche in un periodo caldo come questo non si sente proporre un nome al femminile da nessuna parte. E anche nelle grandi imprese le cose non vanno molto meglio, salvo rari casi come Amazon o Microsoft".

Di Dio si dice "contenta e onorata. Non sono una 'startupper' ma essere definita tra 'le donne innovative che stanno cambiando l’Italia', mi rende davvero contenta. Non so se sto cambiando l'Italia ma di certo in ciò che faccio ci metto il massimo impegno, tantissimo entusiasmo e tutto l'amore che posso".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento