Spaccio Alimentare, ora si spera: imprenditore vuole rilevare 4 punti vendita palermitani

Incontro tra Distribuzione Cambria e i sindacati. Secondo quanto dichiarato dall'azienda le trattative sembrerebbero volgere al termine. Oltre cento lavoratori aspettano buone notizie

Si è concluso da poco un importante incontro con Distribuzione Cambria, azienda che opera in Sicilia e Calabria con insegna Spaccio Alimentare. "Abbiamo chiesto all’Azienda di fare chiarezza sul futuro occupazionale dei circa 600 lavoratori attualmente in forza –  dichiara Mimma Calabrò, Segretario generale della Fisascat Cisl Sicilia – e su come intendono affrontare le criticità ad oggi presenti come il pagamento degli stipendi o la futura ristrutturazione del Centro Commerciale di Siracusa che comporterà la probabile imminente chiusura del supermercato".

Secondo quanto dichiarato dall'azienda, le trattative sembrerebbero volgere finalmente al termine grazie a un imprenditore siciliano interessato a rilevare 7 punti vendita in Sicilia, di cui 4 tra Palermo e provincia (Ugo La Malfa, Ingham, Crocifisso, Lascari), in cui sono impiegati più di cento lavoratori. Mentre, in merito ai restanti punti vendita, ci sono altre trattative aperte con un altri imprenditori locali, uno dei quali sarebbe interessato a rilevare l'intera rete vendita siciliana, evitando così un possibile "spezzatino".

"In un periodo così fortemente segnato dalla crisi, non possiamo che accogliere favorevolmente l'interesse di imprenditori siciliani pronti ad investire sul nostro territorio. Esperienza già consolidata nel 2015 quando  ICA Market, azienda del gruppo Romano, ha rilevato l'intera rete vendita di Palermo eTrapani del colosso francese Carrefour  che aveva deciso di abbandonare la Sicilia. Con quell'accordo - sottolinea la Calabrò - abbiamo salvaguardato e tutelato gli oltre 400 lavoratori che altrimenti avrebbe perso il lavoro. Il nostro obiettivo è quello di salvaguardare le sorti dei lavoratori, facendo una corsa contro il  tempo".

"Con l'incontro di oggi - continua la sindacalista-  abbiamo finalmente ricevuto informazioni chiare e concrete". L'Azienda ha comunicato che, per scongiurare un possibile imminente fallimento, ha  già richiesto una proroga del concordato in bianco già depositato presso il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto. Ha inoltre dato rassicurazioni che, per  il passaggio dei lavoratori,  verrà applicato l' Art. 2112 del Codice Civile, che norma la prosecuzione dei rapporti di lavoro  senza soluzione di continuità e con il mantenimento dei diritti acquisiti. Intanto, nelle more del passaggio ai lavoratori, viene applicata la  Cassa Integrazione a rotazione.

"Importante per noi - continua la Calabrò - quanto messo in atto dalla Segreteria Nazionale della Fisascat Cisl per la realizzazione di un tavolo di  trattativa presso il Ministero dello Sviluppo Economico alla presenza di Auchan/Sma grossi creditori dell’Azienda Cambria  e, pertanto, soggetti determinanti per le sorti stesse della vertenza. Ci incontreremo a breve con l’Azienda - conclude la sindacalista- per seguire passo passo gli sviluppi della vicenda sempre a fianco dei lavoratori per la salvaguardia di tutti i livelli occupazionali".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Fallimento?

Notizie di oggi

  • Politica

    "Governo parallelo basato su favori, amici e nemici": l'Antimafia disegna il sistema Montante

  • Politica

    Decreto Sicurezza, Orlando aggira gli uffici: avanti con le pratiche di residenza ai migranti

  • Politica

    Sgombero immediato per le case abusive in zone a rischio, via i sindaci che non applicano la legge

  • Cronaca

    "Dal totonero alle scommesse on line", così Splendore è diventato il "re" del gioco

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento