"Sirti, l'azienda nega l'assemblea": a Carini un'ora di sciopero

A denunciare l'accaduto sono stati i sindacati Fiom e Uilm che hanno proclamato un'ora di sciopero "per parlare ugualmente con i lavoratori"

La Sirti nega ai lavoratori dello stabilimento palermitano di Carini lo svolgimento di un'ora di assemblea, indetta questa mattina, per discutere della piattaforma sul rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro. A denunciare l'accaduto sono Fiom e Uilm che hanno proclamato un'ora di sciopero "per parlare ugualmente con i lavoratori". L'assemblea, che si è comunque svolta dinanzi i cancelli dello stabilimento con il voto finale della piattaforma nazionale, "non è stata autorizzata dall'azienda perché - spiegano i sindacati - i lavoratori avrebbero già usufruito delle 10 ore di assemblea retribuita previste".

"Le ore di assemblea si sono esaurite per seguire, per diversi mesi di fila, la drammatica vertenza Sirti con gli 833 esuberi chiesti dall'azienda - dichiarano Francesco Foti, segretario Fiom Cgil Palermo, Giuseppe Romano e Francesco Agnello, Rsu Fiom della Sirti - Siamo stati sempre in prima linea per contrastare la scelta scellerata di fare pagare le perdite di mercato con i licenziamenti, attraverso manifestazioni, assemblee e scioperi. Una mobilitazione che ha portato alla sigla dell'accordo del maggio scorso al Mise e che ha evitato gli esuberi, con l'arrivo dei contratti di solidarietà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Da tempo - aggiungono Foti, Romano e Agnello - con l'azienda i rapporti sindacali sono particolarmente tesi e conflittuali. L'accordo che prevede i contratti di solidarietà già penalizza fortemente i lavoratori con cifre che vanno dai 200 ai 400 euro di perdita. E, come se non bastasse, giunge voce che l'azienda abbia dato in subappalti alcune lavorazioni. Abbiamo invitato l'azienda, attraverso il responsabile di Sicilia e Calabria, a non fare ricorso ai subappalti. Ma se dovesse essere accertata questa condizione, per tutelare i lavoratori siamo pronti a intraprendere le azioni necessarie di lotta e a denunciare il fatto alle istituzioni competenti". Il 10 a Roma si riunirà il coordinamento nazionale del sindacato di Sirti. "In quella data - concludono - sarà discusso anche quanto sta accadendo alla Sirti di Carini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento