Sgravi fiscali per chi investe in pubblicità sulle testate online: c'è l'ok del governo

Il digitale pienamente incluso senza limitazioni. Uspi e Citynews esprimono plauso al Governo e al ministro Luca Lotti per questa decisione

Il ministro Luca Lotti

Venerdì 13 ottobre il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che inserisce a pieno titolo le testate online nel provvedimento a sostegno dell'editoria che riconosce un credito d'imposta al 75% per le imprese e i lavoratori autonomi che investono in campagne pubblicitarie su quotidiani e periodici, emittenti tv e radio locali. L'agevolazione arriva al 90% se a investire sono piccole e medie imprese, microimprese e start-up innovative.

Le norme relative agli sgravi fiscali per chi investe pubblicità nel settore editoriale italiano (quotidiani e periodici, radio e tv locali), sono contenute nel decreto fiscale (qui i dettagli). Il provvedimento dovrebbe aiutare a risollevare il settore che è in crisi da un decennio. Il testo del decreto sarà reso pubblico nei prossimi giorni.

Ambienti USPI (Unione Stampa Periodica Italiana) e Citynews, in costante contatto con il Governo, hanno avuto modo di avere anticipazioni sul contenuto del decreto. Per il 2018 il fondo è stato stabilito in 62,5 milioni di euro, e gli oneri saranno recuperati da una corrispondente riduzione del "Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione".

A seguito di pressanti richieste delle organizzazioni di categoria, il Governo ha stabilito di rendere attivi gli sgravi anche per il 2017, solo per il periodo dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017. Per tale periodo la capienza del fondo è stata stabilita in 20 milioni di euro. Anche per questo periodo è stato stabilito che il credito di imposta potrà essere utilizzato sugli investimenti incrementali oltre l'1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Le organizzazioni di categoria legate ai quotidiani cartacei hanno cercato di infuenzare il Governo per limitare questi sgravi solo alla stampa cartacea, escludendo quindi espressamente anche il digitale. Fortunatamente il Governo ha deciso in maniera lungimirante di ricomprendere tutto il settore: nel decreto viene espressamente indicato che anche le testate "online" rientrano nella normativa sugli sgravi fiscali.

Luca Lani, ceo Citynews, dichiara: "E' un giorno importante per l'editoria Italiana. Dopo un lungo braccio di ferro nel quale una parte del mondo editoriale tradizionale ha cercato di cancellare il digitale da questa importante normativa, il Governo ha invece deciso di ricomprenderlo. A questo si è arrivati grazie alla lungimiranza dei ministri competenti (Ministro onorevole Luca Lotti in particolare) e grazie al lavoro di persuasione svolto dall'USPI in rappresentanza di centinaia di testate digitali. Se da una parte è vero che il settore cartaceo ha sofferto una crisi rilevante, dall'altra parte il settore digitale rappresenta il futuro dell'industria dell'informazione e pertanto va anch'esso sostenuto. Questo è ancora più vero in questi recenti periodi dove la pervasività e la forza (anche commerciale) dei social network e dei giganti digitali statunitensi hanno reso molto piu fragili anche le realtà digitali. Il provvedimento quindi è un aiuto a tutte le imprese editoriali giornalistiche italiane che potranno avere maggiori risorse per poter aumentare qualità e per generare occupazione".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

  • Mafia, sequestrato tesoro del boss Salerno: ci sono anche tabaccheria e focacceria

  • Pallavicino, prof rimprovera alunna: la mamma si fionda a scuola e lo schiaffeggia

Torna su
PalermoToday è in caricamento