Vertice a Roma per la Palermo-Agrigento, Faraone: "Lavori seguiti con attenzione"

Dal Mit "ampia disponibilità per rivedere il piano delle opere compensative e adeguarlo alle esigenze dei comuni coinvolti, la possibilità di reperire nuove risorse aggiuntive nei prossimi mesi per limitare al massimo nel tempo i disagi dovuti ai semafori"

"Ampia disponibilità per rivedere il piano delle opere compensative e adeguarlo alle esigenze dei comuni coinvolti, la possibilità di reperire nuove risorse aggiuntive nei prossimi mesi e attenzione all'andamento dei lavori per limitare al massimo nel tempo i disagi dovuti ai semafori che regolano il cantiere lungo la Palermo – Agrigento". E’ l’esito di un incontro al ministero delle Infrastrutture relativo ai lavori sull strada a scorrimento veloce Palermo – Agrigento. A rendere noti i risultati della riunione è il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, sottolineando che il vertice è "figlio delle segnalazioni giunte durante il tour ‘sivacasapercasa’ riguardanti proprio i disagi legati al cantiere".

“Nel mio giro per la Sicilia ho constatato personalmente le difficoltà che vivono le persone costrette a spostarsi utilizzando questa strada - dice Faraone - Non c’è dubbio che il cantiere è necessario per ammodernare e rendere più scorrevole e più sicura una strada importante per i collegamenti siciliani ma occorre anche tenere in debito conto i disagi vissuti nel territorio”.

Un appello, quello di Faraone, subito raccolto dal ministero delle Infrastrutture che ha convocato l’incontro al quale erano presenti Maria Lucia Conti, direttore generale del ministero, Ettore De La Grennelais, responsabile del cantiere - dirigente area tecnica progettazione e nuove costruzioni dell’Anas, Andrea Primicerio, responsabile area Sicilia e Sardegna - progettazione e realizzazione lavori, coordinamento nuove opere sempre per Anas, e tre diversi sindaci dei paesi coinvolti (Gaetano Grassadonia sindaco di Bolognetta, Vito Filippo Barone sindaco di Ciminna e Gaetano Calato sindaco di Vicari). 

Da Anas e Ministero è arrivata anche la rassicurazione di una attenzione costante nei confronti del general contractor per garantire vigilanza sull’avanzamento dei lavori per e limitare, così, nel tempo i disagi. “Un vivo ringraziamento – conclude Faraone – al ministero delle Infrastrutture per l’attenzione e la sensibilità dimostrate in questa vicenda che coinvolge tanti siciliani e comuni interni del territorio isolano che diversamente si sentirebbero abbandonati”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • Incassa il reddito di cittadinanza ma lavora (in nero) in un panificio, denunciato

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

Torna su
PalermoToday è in caricamento