Palermo, sciopero della benzina il 6 giugno 2012

L'iniziativa è dell'Aci che invita gli automobilisti a non fare rifornimento di carburante il 6 giugno, con l'obiettivo di protestare contro gli aumenti fiscali che gravano sui carburanti e sull'auto

Il logo dell'iniziativa

In diverse occasioni i benzinai, negli anni, hanno scioperato per difendere i loro diritti. Tante volte si è invece parlato di sciopero della benzina e questa volta succederà davvero: l'Aci ha infatti proclamato, per il 6 giugno 2012, lo sciopero della benzina. L'iniziativa, si legge in una nota dell'Automobile Club d'Italia, ha l'obiettivo di "lanciare un forte segnale di protesta contro i continui aumenti fiscali che gravano sui carburanti e più in generale sull'auto". Queste le parole del presidente dell'Aci Angelo Sticchi Damiani: "Gli automobilisti non faranno rifornimento il 6 giugno per dire coralmente basta agli aumenti dei prezzi alla pompa, saliti di oltre il 20% in un anno". Il presidente dell'Aci individua la fonte del problema: "Il problema sta nelle troppe accise, che continuano a rappresentare la forma di tassazione preferita dallo Stato perché immediata, ineludibile e senza costi di gestione per l'Erario".

L'Aci snocciola quindi alcune cifre su quanto una famiglia italiana, nel 2012, spenderà per l'auto: 1680 Euro in carburante, 715 euro per l'assicurazione, 270 euro per la manutenzione, 220 euro per parcheggi e garage, 190 euro per i pedaggi e 120 euro per le multe ed altri costi per un totale di oltre 3500 euro, contro i 3278 del 2011. Angelo Sticchi Damiani precisa: "La nostra iniziativa non è un muro contro muro perché il dialogo è più importante della protesta per far comprendere al governo la conseguenza delle scelte compiute sull'auto che stanno mettendo in ginocchio un settore strategico per il Paese. I dati 2012 indicano uno spaventoso calo delle immatricolazioni, ma quello che più ci preoccupa è l'aumento della disaffezione all'uso dell'automobile".

Nel 1997 negli Stati Uniti - ricorda l'Aci - una iniziativa analoga portò ad una riduzione del costo della benzina fino a 30 centesimi di dollaro in 24 ore. Un risultato difficilmente replicabile oggi, ma che comunque dimostra l'efficacia di una risposta corale degli automobilisti contro l'eccessivo carico fiscale sui carburanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • "Palestra trasformata in un ambulatorio del doping", 4 arresti e 16 indagati

  • Reddito cittadinanza, il caso di una coppia di Palermo: "Mentono al Fisco, card sequestrata"

  • Quando Totò Riina fu arrestato: "In carcere le guardie gli urlavano 'Stai zitto, prigioniero'"

  • Calogero non ce l'ha fatta: morto il 27enne malato di linfoma che ha commosso l'Italia

Torna su
PalermoToday è in caricamento