Menù digitali e spazi ancora più grandi, riapre il ristorante "Mec"

“La priorità adesso è garantire la serenità e la sicurezza dei clienti” dice Giuseppe Forello, founder di Mec. In cucina un ritorno all’essenzialità: piatti elaborati e meno ‘manipolati’ che esaltano il sapore e il gusto delle materie prime 

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Da venerdì 5 giugno il MEC (museum e restaurant) di Palermo, in via Vittorio Emanuele 452, riapre le porte ai suoi clienti. Dopo lo stop forzato degli ultimi mesi che ha fermato gran parte delle attività commerciali nel nostro paese adesso anche il settore della ristorazione riparte. E uno dei primi segnali d’incoraggiamento in questaripartenza arriva proprio dal MEC Restaurantche - nel rispetto di tutte le misure sanitarie vigenti - alla sua riapertura ha pensato anche a delle soluzioni innovative digitali (come la lettura del menù tramite QR Code) per rassicurare i propri clienti sull’igiene, la pulizia e sulla corretta applicazione delle misure di prevenzione diffuse dal Governo contro la diffusione del Covid-19. “La priorità adesso è garantire la serenità e la sicurezza dei clienti- dice Giuseppe Forello, founderdi MEC- ci siamo dotati di tutte le protezioni necessarie e gli accorgimenti per garantire la sicurezza sia del nostro staff che dei clienti. Siamo pronti a riaccogliere la nostra clientela che potrà tornare a godere dei piaceri del palato in tutta tranquillità e in piena sicurezza e a offrire la migliore esperienza in cucina; in una locationunica come quella del MEC che va vissuta rigorosamente dal vivo e non con soluzioni come il take-away, che non rientra affatto nella nostra linea di pensiero”. 

Tra le modalità di prevenzione applicate: l’ulteriore distanziamento dei tavoli;che ancora prima della diffusione della pandemia erano già di parecchio distanziati, rendendo il MEC Restaurant un ristorante anti-Covid ante litteram: “Il MEC Restaurant era già un ristorante anti-Covid ancora prima che il virus si diffondesse; nel senso che forme di distanziamento noi le applicavamo già visti gli spazi generosi che per nostra fortuna abbiamo a disposizione e che ci consentono di rispettare e assicurare le giuste norme di distanziamento sociale tra i commensali. Le distanze tra i tavoli erano già notevoli essendoci tra un tavolo e l’altro circa tre metri di distanza, quindi non c’è stato bisogno di apportare grosse modifiche in tal senso, riducendo il numero dei coperti o puntando solo sul tavolo riservato. Noi da quando siamo nati abbiamo sempre lavorato su prenotazione. In questa Fase2 però, punteremo ancora di più sull’ulteriore distanziamento” precisa il fondatore.

La riapertura del locale significa anche rilanciare e veicolare il messaggio che la ristorazione deve continuare a garantire uno dei suoi aspetti principali, quello dellaconvivialità,da sempre prerogativa del settore. L’incontrarsi, infatti, è uno dei pilastri su cui si fonda l’intero conceptdella struttura, essendo MEC acronimodi meeteate connect, ovvero: “incontriamoci, mangiamoe connettiamoci”e che già nel nome racchiude in sé l’essenza e il mood che ruota attorno al modo in cui è stato concepito lo spazio. Il MEC non è solo un ristorante, è anche un museo- il primo della Rivoluzione informatica in Sicilia che ospita pezzi rarissimi dell’universo Apple - e una delle sue particolarità che lo rende unico nel suo genere è proprio quella di poter cenare circondati da teche contenenti pezzi d’antiquariato informatico della nota mela, in un’atmosfera a dir poco suggestiva. 

Nella data del 5 giugno è prevista anche la riapertura del museo. Sulversante artistico si preannuncia, invece, la ripartenza da settembre: “Non ci spaventa il covid, siamo pronti a ripartire con molta più energia e tante idee che abbiamo sviluppato durante questo periodo di lockdowne che non riguardano soltanto il settore della ristorazione ma più in generale l’intero concept con cui è stato pensato il MEC museum. - afferma Forello - Da settembre ci saranno delle novità a cui stiamo già lavorando, il Solo show di Max Ferrigno che ovviamente avrà come tema di fondo l’universo Apple”.

MEC dalla sua nascita è stato pensato, infatti, come hub creativo e innovativo, dove il connubio tra arte, tecnologia, innovazione e foodè il vero fulcro di tutto; un centro d’interscambio culturale in cui avranno luogo seminari, workshop, mostre, incontri con artisti già noti, giovani artisti emergenti “con l’intento di fare di questo spazio un centro in cui avvengano in modo continuo sinergie e connessioni che però abbiano sempre al centro e come tema di riferimento l’informatica e la tecnologia”. 

In cucinal’executive chef di MEC Carmelo Trentacostipunterà alla valorizzazione e all’esaltazionedei saporie alla qualitàdelle materie prime utilizzate: “Adesso più di prima occorre puntare sulla qualità dei nostri prodottie all’essenzialità del piatto, valorizzando il gusto edesaltando quelli che sono i saporie gli odori deinostri prodotti sicilianiche in questo periodo sono fantastici. Alleggerirò i piatti facendo meno passaggi in modo da manipolare il meno possibile la materia prima, per concentrarmi più sul gusto e sulla qualità e dare più sicurezza al cliente che il piatto è stato fatto con tutti i criteri imposti dalle norme igienico-sanitarie; anche se questo lo facevamo già prima del covid, adesso ovviamente prestiamo ancora più attenzione. Essendo la nostra una cucina a vista lavoreremo all’insegna della massima trasparenza, con mascherine e guanti e apparecchieremo anche il tavolo del cliente a vista; avremo tutte le accortezze necessarie”. 

Prima della riapertura, il locale è stato sottoposto a sanificazione ed è stato dotato di strumenti come ad esempio gel igienizzanti per la tutela della salute di tutti, dispositivi personali per i ragazzi di sala e cucina (guanti e mascherine) e tablet per leggere il menu. All’ingresso sarà misurata la temperatura a tutti i clienti. Gli orari di apertura che osserverà il MEC saranno: per il museo dal martedì al venerdì (9.30 - 17.30); mentre per il ristorante dal martedì alla domenica (19.30 - 24.00).  
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento