Qualità della vita, Palermo rotola sempre più in fondo

La classifica di ItaliaOggi non lascia spazio a dubbi di alcun tipo: il capoluogo siciliano è in fondo in quasi tutte le sezioni (dal lavoro all'ambiente e disagio sociale). Il consigliere comunale Gelarda (Movimento 5 Stelle): "Chi vive qua poi è costretto a scappare". Il primo cittadino vede invece il bicchiere mezzo pieno: "Continua il percorso di miglioramento"

Il cuore di Palermo visto dall'alto, sullo sfondo il mare e i monti. Foto Salvo Alfano

La classifica di ItaliaOggi non lascia spazio a dubbi di alcun tipo: peggio di Palermo solo quattro città. E mentre Bolzano e Trento sono "al top" per qualità della vita in Italia nel 2017, il capoluogo siciliano arranca in fondo alla classifica. Posizione numero 106: meno due rispetto all'anno prima. Peggio di Palermo solo Vibo Valentia, Napoli, Medio Campidano e Trapani. E i primi dieci posti della classifica sono tutti occupati da città del Nordest. L'annuale ricerca curata dal dipartimento di statistiche economiche dell’Università La Sapienza di Roma per ItaliaOggi, con il supporto di Cattolica Assicurazioni, mette in luce molte interessanti informazioni. Una classifica che abbraccia diversi settori: affari e lavoro, ambiente, disagio sociale, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero e tenore di vita.

Disastro Palermo

Palermo è in fondo a tutte le classifiche. Nella categoria affari e lavoro il capoluogo siciliano è terzultimo, davanti a Napoli e Crotone. Va leggermente meglio se si considera la voce "ambiente", con Palermo nella posizione 102. Passi in avanti per quanto riguarda la criminalità: 77° posto, più 9 rispetto al 2016. Malissimo invece alla voce "disagio sociale": Palermo 108esima, meglio solo di Cagliari e Medio Campidano. Preoccupa il tasso di disoccupazione giovanile (dai 15 ai 24 anni), dove il capoluogo siciliano è penultimo in Italia. Per quanto riguarda il sistema salute c'è un dato su tutti. Nella sottocategoria "numero apparecchiature emodialisi per mille abitanti", Palermo è penultima in Italia (appena 6,59), con Pistoia maglia nera. Palermo male anche nella sezione "tempo libero e turismo". Poche le strutture dedicate al turismo: Palermo occupa la posizione numero 107, facendo meglio solo di Taranto, Caltanissetta e Catania. E allora non resta che aggrapparsi al "tenore di vita". Qua Palermo si colloca al 75esimo posto. Un piazzamento dignitoso, se non fosse però che un anno fa andava decisamente meglio (48°).

Qualità della vita, meglio le piccole e medie città 

Si conferma nche quest'anno che il vero benessere non abita più nei grandi agglomerati urbani. Ai primi posti si trovano infatti solo città di piccole e medie dimensioni, tanto che per trovare un capoluogo di regione bisogna scendere fino alla trentasettesima posizione, occupata da Firenze, che non è certo una megalopoli. E qualcosa vorrà pur dire se tutte le città più grandi (Roma, Milano, Torino, Napoli e Palermo) ristagnano nella seconda parte della classifica, anche se Roma fa un bel balzo in avanti di ventuno posizioni.

"Chi vive a Palermo poi scappa"

Igor Gelarda-9"Palermo è sempre più in fondo - dice Igor Gelarda, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle - abbiamo livelli qualitativi bassissimi, assolutamente insufficienti. Eppure ci stupiamo dei tanti riconoscimenti nazionali e internazionali che questa città ha ricevuto negli ultimi anni. Capitale dei giovani nonostante siamo una delle province d'Europa con la più alta disoccupazione giovanile, capitale della Cultura e percorso Unesco solo grazie alla storia passata che possiamo vantare di avere, e non certo per chi negli ultimi decenni non è stato neanche in grado di rimuovere o ristrutturare i resti dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Forse proprio perché solo chi ci vede dall'esterno, e non conosce i veri problemi che abbiamo, può pensare di premiarci. Chi vive in città tende a fuggire, ciascuno di noi ha amici o parenti che sono emigrati, scappando dalla città, in cerca di migliori fortune. Palermo ha dei problemi strutturali gravissimi, alcuni dei quali anche nei nostri conti, come è venuto fuori dal dossier ministeriale, e tanti altri nodi irrisolti che non sono stati mai minimamente affrontati".

Orlando: "Continua percorso di miglioramento"

Il primo cittadino vede invece il bicchiere mezzo pieno. "Continua - dice in una nota - il percorso di miglioramento della qualità della vita a Palermo anche se, certamente, il risultato raggiunto, che è in linea e conferma quanto già avvenuto fra il 2015 e il 2016, non può farci ritenere pienamente soddisfatti e ci sprona a proseguire sulla giusta strada. Il lungo lavoro realizzato negli anni per far uscire Palermo dalla palude dell'immobilismo, con una programmazione di interventi strutturali e una progettualità che non ha uguali in Italia, sta finalmente dando i suoi frutti. Il fatto che questi dati si riferiscano all'intero territorio provinciale deve comunque fare riflettere, anche con la fortunata coincidenza della odierna ordinanza del Tar sulla città metropolitana, sulle conseguenze nefaste di quanto avvenuto negli ultimi anni, con il caos amministrativo causato, per non dire voluto, dalla Regione che ha avuto un impatto fortemente negativo sulla capacità di spesa, sui servizi e sulla possibilità di sviluppo e progettualità per tutta l'area metropolitana". "Siamo soddisfatti - conclude Orlando - del miglioramento sul fronte dell'ambiente e dei servizi (grazie alla Ztl, al miglioramento del trasporto pubblico col Tram e ai servizi condivisi, alle pedonalizzazioni e agli interventi organici in zone critiche della città da Ballarò allo Zen, da Danisinni a Brancaccio) e su quello della sicurezza (che unisce repressione e controllo a prevenzione). Pesa come un macigno su tutte le città italiane, e specie meridionali e siciliane, la disoccupazione legata alla grave crisi economica iniziata nel 2008. Disoccupazione che, è vero, cresce a Palermo del 10%, ma cresce anche del 300% secondo i dati Istat in altre grandi città come Torino, Messina, Bologna e Catania".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • Era scomparso giovedì, 40enne ritrovato in centro: "Ha già abbracciato le sue bimbe"

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Produce documenti falsi per percepire il reddito di cittadinanza: denunciato

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

Torna su
PalermoToday è in caricamento