Migliore, riprendono le proteste: sit in dei lavoratori al Tribunale

Previsti due presidi dalle 8 alle 18 in attesa della decisione del giudice sul fallimento della società con 40 milioni di perdite. Per 261 dipendenti il 19 marzo è scattata la cassa integrazione

Riprende la protesta dei lavoratori della società Migliore. Oggi dalle 8 alle 18 sono previsti due sit-in davanti al Tribunale in attesa della decisione del giudice. Il gruppo Migliore a seguito della delicata situazione finanziaria che registra perdite per 40 milioni di euro ha deciso di ricorrere all'amministrazione straordinaria. L'udienza prefallimentare è stata fissata per giovedì.

Sono circa 261 i dipendenti del colosso palermitano per i quali il 19 marzo è scattata la cassa integrazione. “Il futuro resta incerto - spiega Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat Cisl -. La sorte di tante famiglie palermitane dipende dalla decisione del giudice. Lanciamo un appello alla sana imprenditoria - conclude - affinché possa rilevare i negozi e salvaguardare i livelli occupazionali e le professionalità acquisite dai lavoratori”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento