"Aumentano estetisti e parrucchieri in nero", l'allarme di Confesercenti

Secondo l'associazione di categoria il fenomeno si diffonde soprattutto grazie ai social network, "tramite i quali gli abusivi della professione riescono ad ampliare le propria rete di contatti". Tony Oneto, presidente di Assoaccoanciatori: "Meccanismo che danneggia chi lavora onestamente e mette a rischio il cliente"

"Sono sempre di più i negozi abusivi e sempre più persone ricorrono a servizi di estetica fatti in casa e in nero". E' l'allarme che lancia Confesercenti, puntando il dito contro gli operatori non in regola e l'inevitabile concorrenza sleale. Un fenomeno che per l'associazione si diffonde soprattutto grazie ai social network, tramite i quali gli abusivi della professione riescono ad ampliare le propria rete di clienti.

"Il problema esiste da tempo - dice Tony Oneto, presidente di Assoaccoanciatori di Confesercenti Palermo - ma negli ultimi anni ha preso il sopravvento, con un numero sempre più ampio di abusivi che si recano a casa dei clienti per eseguire trattamenti di ogni tipo, messe in piega e colorazioni comprese. Un meccanismo che danneggia chi lavora onestamente e mette a rischio il cliente. Spesso i nostri colleghi si ritrovano l'abusivo a pochi metri dalle proprie attività".

"Non affidarsi a veri professionisti - precisa Francesca Costa, presidente di Confesercenti Palermo - vuol dire mettere a repentaglio la salute dei consumatori. Non sono rare le segnalazioni di chi è danneggiato da trattamenti eseguiti male e con prodotti di scarsa qualità. E' inoltre fondamentale disporre di macchinari a norma e ben collaudati, che gli abusivi non possono invece garantire. Confesercenti - prosegue - da sempre attenta a questi fenomeni che danneggiano l'economia degli operatori in regola, chiede maggiori controlli per individuare chi lavora in modo illecito e vigilerà per tutelare il settore"

"Già in passato - aggiunge il responsabile dell'area Produzione di Confesercenti, Nunzio Reina - ho fatto nomi e cognomi degli abusivi che a Palermo lavorano alle spalle di chi paga tasse, contributi e rispetta tutte le norme igienico-sanitarie. Invito gli utenti a segnalare chi non è in regola, così come invito la polizia municipale ad effettuare maggiori controlli nelle attività della città: troppi negozi aprono senza chiedere alcuna autorizzazione. E' inoltre fondamentale - conclude Reina - individuare chi grazie ad Internet offre trattamenti estetici pur non avendo alcuna qualifica, un aspetto che alza il livello di rischio per il cliente". 

Potrebbe interessarti

  • Bagno al mare dopo mangiato, sì che si può fare: tutta la verità sul (falso) mito

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Fare la spesa risparmiando, 10 regole d'oro che i palermitani spreconi dovrebbero seguire

  • Punti neri, l'inestetismo della pelle da combattere: consigli e rimedi (anche fatti in casa)

I più letti della settimana

  • Centro storico, studentessa seguita e poi violentata sotto casa: fermati due bengalesi

  • Incidente sulla A29, auto contro il guardrail: muore 13enne, gravissimo il fratello

  • Tragedia in autostrada, bimbo di 9 anni in condizioni disperate: "Ha un gravissimo trauma cranico"

  • Blitz antimafia fra Palermo e New York, 19 arresti: decapitato mandamento di Passo di Rigano

  • Morto noto commerciante palermitano, era lo zio di Eleonora Abbagnato

  • E' morto il chirurgo Mezzatesta: "La medicina ha perso un genio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento