Belmonte Mezzagno, sbloccato il pagamento delle mensilità arretrate per i dipendenti comunali

Cub: "Avviare il percorso di stabilizzazione del personale precario, altrimenti saremo pronti ad intraprendere ogni tipo di azione utile per ottenere il mantenimento degli impegni presi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Possono finalmente tirare un sospiro di sollievo i dipendenti del Comune di Belmonte Mezzagno che da nove mesi non percepivano lo stipendio. Difatti si è tenuto, in Prefettura, un tentativo di conciliazione per evitare lo sciopero e riportare la situazione alla normalità, considerata la gravità della questione per i lavoratori e le loro famiglie. La situazione era da tempo divenuta insostenibile e, pertanto, la Cub, assieme alle altre organizzazioni sindacali, ha avviato le procedure che avrebbero dovuto precedere la giornata di astensione dal lavoro. All’incontro, convocato dalla Prefettura, erano presenti il sindaco e l’assessore al Bilancio che hanno preso l’impegno di sbloccare i pagamenti garantendo il ritorno alla normalità entro i prossimi mesi, e cominciando a pagare alcune mensilità entro pochi giorni. I rappresentanti della Cub ritenendosi soddisfatti del risultato raggiunto, hanno chiesto che venga liquidato anche il salario accessorio pregresso dovuto ai dipendenti e l'avvio del percorso di stabilizzazione del personale precario in servizio presso l’ente. “Se ciò non avverrà – hanno affermato - saremo pronti ad intraprendere ogni tipo di azione utile per ottenere il mantenimento degli impegni presi”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento