Le pescherie non resteranno sfornite a Natale e Capodanno: mercato ittico aperto il 24 e 31 dicembre

La soluzione, individuata dall'assessore Sergio Marino, permetterà ai grossisti di non perdere giornate di lavoro e incassi. La decisione è arrivata è arrivata su disposizione del segretario generale

Il Comune dice sì agli straordinari per i dipendenti: il mercato ittico non chiuderà il 24 e il 31 dicembre. La soluzione, individuata dall'assessore Sergio Marino, permetterà ai grossisti di non perdere incassi e alle pescherie di non restare sfornite a Natale e Capodanno. La decisione è arrivata su disposizione del segretario generale. 

Sulla vicenda interviene il presidente della commissione Attività produttive, Ottavio Zacco: "Esprimo apprezzamento e gratitudine nei confronti dell'assessore Sergio Marino e del segretario generale per aver, con un piccolo intervento, risolto un grande problema. Era impensabile chiudere il mercato ittico nei giorni prefestivi del 24 e del 31 dicembre, compromettendo gli utili non solo dei grossi distributori, ma anche di tutto l'indotto compreso pescherie e ristoranti, per risparmiare 14 ore di straordinario per 4 impiegati. Ringrazio anche il direttore dei mercati, Polizzi e il personale che ha accettato la proposta, ed in particolare, il lavoratore Lsu che non potrà usufruire dello straordinario ma che recupererà le ore successivamente. Mi auguro che prima possibile troveremo un equilibrio d'Aula per votare il regolamento unico dei Mercati Generali per mettere ordine e deliberare le regole certe da rispettare, senza interpretazioni e soprattutto aggiornato alle necessità odierne. Già a giugno 2018 in riunione di capigruppo ho chiesto di inserire in calendario la delibera, ora che abbiamo approvato il bilancio mi auguro che sia una dei primi atti".

Così il consigliere comunale del Partito democratico, Dario Chinnici: “La scelta del Comune di approvare lo straordinario dei propri dipendenti per garantire l’apertura del mercato Ittico il 24 e il 31 dicembre risponde a un’esigenza degli operatori commerciali e della città: il rischio era che il mercato restasse chiuso in tutti e due i lunedì, come sempre accade, e che per diversi giorni, visti i festivi, le pescherie restassero sfornite proprio a ridosso del Natale e del Capodanno. Una decisione saggia, per la quale ringraziamo l’amministrazione che, a fronte di una spesa minima, non penalizzerà il commercio cittadino – continua Chinnici – anche se serve una visione più ampia che garantisca risposte a tutti i problemi dei mercati generali di Palermo. Il consiglio comunale dovrà inoltre affrontare, in tempi brevissimi, anche altre delibere che da troppo tempo aspettano di essere esitate: in primis il regolamento dei mercati generali, ma anche quello sui dehors e quello sulla tutela dell’ambiente”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ottimo, così si eviterà di dover mangiare marciume (forse).

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il racconto di un palermitano: "Ero con Fabrizio Corona, ecco come ci hanno aggredito nel bosco della droga"

  • Cronaca

    Neonata trovata morta nella culla, lacrime e disperazione alla Guadagna

  • Cronaca

    "Aiutatemi, ha ingerito qualcosa da terra" ma è hashish: bimba di 3 anni ricoverata

  • Mafia

    Pizzo, "legnate" agli incorruttibili e mazzette: così i boss gestivano l'ippodromo

I più letti della settimana

  • "Le chiamate arancine? Non vendetele", Antica Focacceria stoppata a Catania

  • Incidente a Verona, con la moto contro un Suv: muore palermitano di 23 anni

  • "Ma qua volete stare gratis? Smontate tutto": quando la mafia fa chiudere i ristoranti

  • Una mattinata di ordinaria follia: ruba auto a una donna, poi fugge e si schianta alla Noce

  • Si ribella al pizzo, filma il suo estorsore con una telecamera nascosta e lo fa arrestare

  • "Lo dobbiamo 'struppiare' al palermitano? Ci tiriamo 4 'scopettate' nella macchina..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento