"Nell'edilizia troppi lavoratori precari", patto tra Fillea e Nidil per dare voce ai lavoratori

Azione congiunta dei sindacati per tutelare non solo operai e disoccupati ma anche autonomi, restauratori, architetti, ingegneri, geologi impegnati nei cantieri della città con collaborazioni e contratti irregolari

Protocollo tra due categorie, Fillea e Nidil, per combattere la precarietà all'interno del settore edile e rappresentare non solo operai e disoccupati ma anche i lavoratori autonomi, restauratori, architetti, ingegneri, geologi impegnati nei cantieri della città con collaborazioni, contratti e partite Iva.  L'intesa siglata dagli edili della Fillea e da Nidil, la categoria che rappresenta il lavoro atipico, è articolata su più filoni e ha lo scopo di  estendere le tutele e i diritti per garantire, sia dal punto di vista contrattuale che da quello delle prestazioni previdenziali, fiscali e della bilateralità, ogni genere di lavoratore impegnato nei cantieri in attività edili, amministrative o tecniche. 

"Nel settore edile – spiegano i segretari generali di Fillea Cgil Palermo e Nidil Cgil Palermo Piero Ceraulo e Andrea Gattuso - sono sempre più presenti lavoratori con contratti di lavoro atipico, come somministratori, collaboratori e stagisti. Per noi è importante dare una adeguata rappresentanza a tutti coloro interessati dal contratto  nazionale di lavoro a rafforzare politiche e tutele individuali e collettive. Il protocollo prevede – aggiungono i due segretari – anche la costituzione del comitato dei disoccupati edili, con riunioni periodiche, che faremo insieme al Sol, lo sportello orientamento lavoro, al fine di indirizzare  i disoccupati del comparto edile sulle misure di politica attiva e di sostegno al reddito. Nidil e Fillea Cgil sempre insieme  avvieranno un percorso di mobilitazione e iniziative per chiedere il rilancio del settore delle costruzioni, l'apertura di nuovi cantieri, lo sblocco di quelli fermi”. 

Fillea Cgil Palermo e Nidil Cgil Palermo si impegnano inoltre a costruire la mappatura delle aziende del settore edile in cui operano lavoratori con contratti di lavoro atipico (somministrazione, collaborazioni, partite Iva) al fine di rappresentare queste professionalità per garantire a tutti diritti e tutele. “La collaborazione è già in atto tra le due strutture e ha visto un costante lavoro, sia a livello territoriale che nazionale – aggiungono Ceraulo e Gattuso - La recente sottoscrizione del contratto nazionale dell'edilizia e affini prevede la possibilità di iscrizione e tutela presso le casse edili dei lavoratori autonomi”.  

Attraverso l'intesa, i due sindacati avvieranno un'azione di supporto alla forte presenza nel territorio palermitano di disoccupati provenienti dal settore edile e lavorare all’attivazione di nuove misure di politiche attive del lavoro e di sostegno al reddito, introdotte da Stato ed enti locali. La Fillea Cgil di Palermo e Nidil Cgil Palermo, con il coinvolgimento della Cgil Palermo, s’impegnano a promuovere momenti di informazione e sensibilizzazione rivolti ai lavoratori atipici del settore delle costruzioni, offrendo prestazioni e servizi appositamente concordate con la Società di Servizi della Cgil Sicilia. In programma anche campagne per informare i lavoratori autonomi sulle tutele previste dal nuovo Ccnl e da Cassa Edile ed Edilcassa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento