Qualità, rispetto delle norme e difesa della legalità: i pasticceri palermitani fanno squadra

Nasce un gruppo di aggregazione tra professionisti del settore con l'obiettivo di "promuovere iniziative e progettualità comuni" ma anche di sollevare "problematiche" che toccano da vicino tutti gli esercenti 

La cena conviviale tra pasticceri organizzata da Francesco Davì

I pasticceri palermitani fanno squadra. Nasce un gruppo di aggregazione tra professionisti del settore con l'obiettivo di "promuovere iniziative e progettualità comuni" ma anche di sollevare "problematiche" che toccano da vicino tutti gli esercenti. 

E' quanto emerso al termine di una cena conviviale organizzata ieri sera da Francesco Davì, noto professionista del settore, alla quale hanno partecipato i titolari di Scimone, New Paradise, La Cubana, Alba Beach Mondello, Cappello, bar San Michele, bar Sampolo, bar Touring, Albicocco, Matranga di viale del Fante, bar Gardenia, Massaro di via Ernesto Basile e Oscar.  

Tra gli argomenti al centro della serata di ieri l'esigenza di garantire standard di alta qualità sia nelle materie prime utilizate per i dolci sia nel rispetto delle norme igienico-sanitarie. La difesa della legalità è stato un altro dei punti cardine toccati dai pasticceri. Nei prossimi incontri verranno approfonditi temi riguardanti la formazione e la comunicazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento