Dramma Giornale di Sicilia, via Lincoln addio? "Vogliono spostare tutto a Messina"

Nuovo allarme dei sindacati: "La vertenza sul futuro del quotidiano diventa sempre più drammatica. Annunciare 31 esuberi su  43 vuol dire di fatto uccidere la sede di Palermo come centro di produzione". Lo sfogo: "Siamo con le spalle al muro"

I poligrafici del Giornale di Sicilia

“La vertenza sul futuro del Giornale di Sicilia diventa sempre più drammatica. Annunciare 31 esuberi su  43 vuol dire di fatto uccidere la sede di Palermo come centro di produzione. L'intento è quello di spostare tutto a Messina. In un momento così delicato, in cui i temi dello sviluppo del Mezzogiorno diventano centrali, spegnere un centro di produzione di un settore così importante dell'informazione è un segnale d'allarme che non può passare inosservato”. Lo dichiarano i segretari generali della Cgil Palermo e della Slc Cgil Palermo Enzo Campo e Maurizio Rosso, che  chiedono “un segno forte delle istituzioni,  dell'intellighenzia, dell'Università per una mobilitazione significativa per  far rimanere  la produzione del Giornale di Sicilia a Palermo e per garantire i livelli occupazionali”. 

Ieri durante l'incontro tra la proprietà e i sindacati, l'Slc ha ribadito ancora una volta il suo  fermo ai i licenziamenti  di tre quarti dei poligrafici.  “Riteniamo che le istituzioni debbano intervenire – proseguono Campo e Rosso - e scriveremo una lettera al presidente della Repubblica, fiduciosi  che dal capo dello Stato possa giungere un segnale  in direzione della salvezza di una azienda  tanto prestigiosa,  in prima linea nell'informazione e nella lotta contro la mafia, la corruzione, il  malaffare e per lo sviluppo della Sicilia”.    

“Siamo coscienti che le nuove tecnologie stanno portando grossi cambiamenti nei processi produttivi  ma chiediamo – aggiungono Campo e Rosso - una classe dirigente  lungimirante che nei suoi piani industriali trasformi le innovazioni tecnologiche in opportunità di occupazione e di crescita e non in una ghigliottina per i lavoratori.  Come nell'Ottocento inglese quando, durante la rivoluzione industriale, si bruciavano i telai meccanici pensando che si sarebbero salvati i posti di lavoro degli operai. Siamo sicuri che anche i giornalisti condurranno una battaglia all'unisono,insieme ai poligrafici,  consapevoli della drammaticità della crisi”.

I poligrafici del Giornale di Sicilia - attraverso una nota - hanno raccontato il loro dramma: "Con le spalle al muro. Ci sentiamo così. Pochi margini di trattativa nel documento presentato ieri dalla azienda con alcune variazioni rispetto al precedente. Si confermano gli esuberi che passano però da 34 a 31. Si intravede forse una gioia? Non si direbbe, dato che la previsione è di una ulteriore stangata per i pochi superstiti nei prossimi mesi. E ancora una volta l'azienda dimostra di avere un solo intento. Quello di produrre un giornale praticamente a costo zero. Nel frattempo già da oggi partiranno le procedure per la cassa integrazione. Inutile raccontare lo stato d'animo di noi lavoratori. Si può intuire il senso di impotenza davanti a una decisione che lascia senza speranze. Perché un po' ci abbiamo creduto che questo giornale fosse ancora nostro. Che quella che abbiamo considerato la nostra casa per anni, anzi decenni, rappresentasse ancora un posto sicuro per noi.
Quella casa è distrutta, smembrata all'interno e con le porte serrate. Al suo posto vivono l'arroganza e l'indifferenza verso chi, nonostante tutto, se ne è preso cura con impegno e dedizione, mettendo in gioco competenze e professionalità. Ciò che rimane è solo un luogo freddo, senza amore né passioni, che non può più di certo chiamarsi casa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperone sotto shock, annuncia suicidio su Facebook e si toglie la vita

  • E' morto "U Zu Totò", per 50 anni ha fritto panelle e crocchè accanto alla Fiera

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • I palermitani con la colla sulle mani, la "banda dell'Attak" fermata prima del colpo in banca

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

Torna su
PalermoToday è in caricamento