Giornale di Sicilia, vertice con assessore: “L'azienda ha ribadito che la situazione rimane difficile"

Rinviato al 2 settembre l'esame congiunto per decidere sulla cassa integrazione per i 31 lavoratori. L'Slc ha sottolineato la necessità di non applicare la cassa integrazione a zero ore dal momento che l'azienda usufruisce di contratti di solidarietà

Rinviato al 2 settembre l'esame congiunto per decidere sulla cassa integrazione per i 31 lavoratori del Giornale di Sicilia. All'incontro di oggi all'ufficio provinciale del lavoro, al quale erano presenti la società editrice e un rappresentante della Fieg, l'Slc ha ribadito la necessità di non applicare la  cassa integrazione a zero ore dal momento che l'azienda usufruisce di contratti di solidarietà.

“L'azienda, dopo un lungo confronto, ha accolto la nostra richiesta e ha rimandato l'espletamento della procedura di esame congiunto per la cig a zero ore al 2 settembre – spiega il segretario generale Slc Cgil Maurizio Rosso -. In questo arco di tempo cercheremo soluzioni diverse dalla cassa integrazione espulsiva, nell'intento di trovare un accordo che possa salvaguardare occupazione e azienda”. 

L'azienda in mattinata ha avuto un contatto con l'assessore regionale al Lavoro Scavone, invitato ieri proprio dalla Slc a intervenire  per trovare una soluzione diversa della cassa integrazione. “L'azienda ha ribadito che la situazione rimane difficile – aggiunge Rosso –. L'Slc Cgil Palermo ribadisce che serve un impegno forte del sindaco e della Regione siciliana per far sì che la produzione del Giornale di Sicilia rimanga a Palermo. Una piattaforma dell'informazione così importante non può sparire dalla città. Per noi è dirimente che il quotidiano di via Lincoln rimanga centro produttivo di informazione e non solo centro di distribuzione”. 

Il rinvio chiesto dalla Slc è legato anche alla possibilità di una modifica della legge sul prepensionamento annunciata dal governo nazionale per l'autunno prossimo, che permetterebbe a un certo numero di lavoratori di andare in pensione. Conclude Rosso: “Ribadiamo inoltre la necessità che l'azienda usi i nuovi strumenti della tecnologia, soprattutto la digitalizzazione dell'archivio storico del giornale che, con l'accesso a fondi europei, costituisce elemento fondamentale per il rinnovo e lo sviluppo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento