Dionisio Giordano eletto segretario generale aggiunto Fit Cisl

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Dionisio Giordano, 46 anni, già componente della segreteria guidata dal segretario generale Amedeo Benigno, è stato eletto segretario generale aggiunto della Fit Cisl Sicilia. Fanno parte della squadra anche Domenico Perrone, Antonio Dei Bardi e Cettina Arduino. Ad eleggerlo sono stati i componenti del consiglio generale Fit Cisl che si è riunito stamani nella sede del sindacato in via Roma a Palermo.

“Ringrazio i vertici dell’organizzazione, federali e confederali e il consiglio generale per la fiducia che, con la votazione di oggi, mi è stata accordata - ha detto -. Alle lavoratrici e ai lavoratori dei trasporti e dell’igiene ambientale consegno il mio personale impegno per rafforzare tutele e salvaguardare diritti, con una Fit sempre più credibile, affidabile, competente e presente nelle aziende e nei territori. Con spirito di sacrificio e senso di responsabilità intendo svolgere il ruolo di segretario generale aggiunto della Fit Cisl Sicilia, ispirandomi, come da sempre ho fatto, ai valori e principi fondanti della nostra tradizione. Ed è con questo approccio che resterò a servizio della Federazione, dei dirigenti e delegati, con piena disponibilità all’ascolto per la soluzione dei tanti problem del comparto”.

Soddisfatti i segretari Cisl Sicilia Mimmo Milazzo e Fit Cisl Sicilia Amedeo Benigno. “Continuerà in maniera sempre più incisiva l’impegno del sindacato sulle vertenze più calde che riguardano i trasporti e l’ambiente, per una vera riorganizzazione dei due settori che porti al miglioramento dei servizi per i cittadini e alla garanzia per la tenuta dei livelli occupazionali. La Sicilia – hanno concluso – ha bisogno di infrastrutture per poter crescere, saremo sempre più incisivi nel dialogo con il governo regionale affinché vengano realizzate tutte quelle opere attese e che rilancerebbero diversi settori”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento